martedì, 12 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il premier Letta “striglia” i parlamentari a fare presto sulle riforme. La dead line? 18 mesi
Pubblicato il 29-05-2013


Enrico Letta

L’astensionismo elevatissimo manifestatosi alle ultime amministrative “è la dimostrazione che lo stato di salute della nostra democrazia necessita di interventi definitivi e fondamentali sui temi centrali altrimenti il distacco e le difficoltà ci porteranno a dire in futuro che ha perso complessivamente la nostra democrazia”. Il premier Enrico Letta, ieri alla Camera, non vuole sentir ragione. Occorre fare presto e bene perché c’è un Paese reale che non aspetta e che giorno dopo giorno si allontana dal Palazzo. Parole forti tuonate nel corso del dibattito sulle mozioni per le riforme costituzionali.

IL PREMIER STRIGLIA GLI ONOREVOLI – Un dibattito che ha assunto “ulteriori significati” proprio dal voto di domenica: “Al di là delle discussioni sull’esito del voto, condividiamo tutti la valutazione sull’astensionismo: nessuno può essere contento per lo stato di salute della democrazia, un campanello d’allarme fortissimo per questa discussione, che ci porta a dire che la qualità della democrazia di un Paese nel quale gli elettori in parte così rilevante non esprimono il loro diritto di voto, è uno stato di salute che ci deve spingere a intervenire nel modo più rapido possibile”. D’altronde “come si fa a pensare che funziona la nostra democrazia se tanti italiani ritengono di non andare a votare? Ecco perché questa discussione assume un’importanza e una drammaticità superiore rispetto a quanto potevamo immaginare”.

LA DEAD LINE DI LETTA: 18 MESI – In più il premier Letta ha ribadito che anche il presidente della Repubblica appena un mese fa c’ha messo “il carico da 90”.  Giorgio Napolitano nello strigliare i parlamentari aveva tuonato: “la crisi della politica è arrivata a un punto che non si può fare finta di niente o fare finta di fare le riforme per poi non farne di nulla. Sono parole fondamentali e noi siamo chiamati a dare immediato seguito all’impegno preso”. E i tempi sono stretti. Letta dà la dead line: “18 mesi, come indicato dalla mozione di maggioranza, sono il tempo giusto per fare le riforme”. E aggiunge: “È l’unico pertugio che possiamo percorrere e dobbiamo crederci. Sono convinto che stavolta il passo è quello giusto, altrimenti il governo dovrà trarre le conseguenze della propria inconcludenza”. Percorso al termine del quale saranno i cittadini a decidere, attraverso un referendum: “Saranno i cittadini alla fine a decidere, con il referendum. Questa riforma va fatta non contro ma insieme. È fondamentale che vengano condivisi obiettivi come la riduzione del numero parlamentari e fine bicameralismo paritario”. Un percorso che – secondo Letta – i partiti dovranno percorre insieme senza lacerazioni e divisioni, partendo dal superamento del Porcellum: “La legge elettorale va cambiata, sarà una parte essenziale di questa discussione. Dobbiamo far sì che sia un percorso condiviso, come quello sulle riforme. Maggioranze strette non possono sporcare o rendere meno efficace il lavoro che stiamo facendo”.

Lucio Filipponio

 

 

 

 

 

 

 

 

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento