lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La follia di “chi perde la testa”: dopo lo scrittore anti-gay sparatosi in bocca a Parigi, due africani decapitano un militare a Londra
Pubblicato il 23-05-2013


Londra-Donna-scout-eroica

Sembra quasi che chi “perde la testa” abbia la necessità di ribadirlo nel senso letterale del termine. “Vogliamo cominciare una guerra a Londra stasera”. Queste le parole folli di un gesto altrettanto sconsiderato. Così uno dei due terroristi che hanno brutalmente aggredito e ucciso un soldato britannico ieri pomeriggio nel sud est di Londra. A raccontarle Ingrid Loyau-Kennett, capo scout e madre di due bambini, che visto il soldato a terra è scesa di corsa dall’autobus sul quale viaggiava e ha affrontato i terroristi. “Gli ho chiesto cosa voleva e lui: l’ho ucciso perché ha ucciso tanti musulmani in Afghanistan”. La donna ha sfidato i due africani e ha spiegato di essere intervenuta perché pensava che fosse meglio che “le armi fossero puntate su una sola persona”. Il capo scout Ingrid Loyau-Kennett, 48 anni, che uno degli uomini le ha detto di voler “cominciare una guerra a Londra stasera”, dopo che lei aveva domandato agli attentatori perché avevano compiuto l’aggressione.

IL RACCONTO DELLA CAPO SCOUT EROINA – La donna, madre di due bambini, era accorsa sul posto dopo aver visto la vittima al suolo e ha cercato di sentire il battito del suo polso. E’ stato in quel momento che ha visto le armi, un coltello e un revolver. “Non era drogato, non era ubriaco, era solo emozionato, sconvolto – ha riferito la donna -. Gli ho detto “ora avete contro un sacco di gente, che volete fare?” e lui ha risposto “vorrei restare e combattere”. La donna si è quindi rivolta al secondo attentatore e gli ha domandato di consegnarle le armi: “Ho pensato che era meglio che fossero puntate verso una persona come me piuttosto che verso chiunque altro, in un momento in cui i bambini cominciavano ad uscire da scuola”. 

RIUNITO GRUPPO ‘COBRA’ CON RESPONSABILI SICUREZZA – Il primo ministro britannico David Cameron presiederà a breve una riunione del comitato ‘Cobra’, ovvero un comitato di emergenza composto da responsabili della sicurezza e membri del governo, per fare il punto sugli sviluppi dell’agghiacciante episodio di ieri pomeriggio in cui due uomini hanno attaccato e ucciso un militare nel sud est di Londra, episodio che viene trattato come un atto terroristico. Cameron ha anticipato il rientro a Londra, dove è giunto ieri in tarda serata da Parigi nella quale si trovava per un incontro bilaterale con il presidente francese Francois Hollande. E proprio in conferenza stampa all’Eliseo Cameron ha affermato che “ci sono forti indicazioni che sia un atto legato a terrorismo”. 

ALMENO 1 DI ORIGINE NIGERIANA. SI SAREBBE CONVERTITO ALL’ISLAM DIECI ANNI FA – Sarebbero entrambi britannici, ma almeno uno di origine nigeriana, gli uomini che ieri hanno ucciso a colpi di machete un soldato in un attacco in pieno pomeriggio nel sud-est di Londra. Lo riferisce Sky news citando proprie fonti. Il terrorista di origine nigeriana sarebbe inoltre londinese, forse cresciuto proprio nel quartiere del massacro, secondo le fonti, e si sarebbe convertito all’Islam di recente, probabilmente una decina di anni fa. 

PERQUISITA ABITAZIONE IN LINCOLNSHIRE – La polizia ha perquisito un’abitazione nel Linconshire in collegamento con l’attacco ieri nel sud-est di Londra in cui un soldato britannico e’ stato ucciso a colpi di machete da due uomini poi feriti e catturati. “Ciò è collegato alle indagini in corso sull’uccisione di un uomo a Woolwich”, ha confermato un portavoce della polizia del Linconshire senza fornire ulteriori dettagli. 

JOHNSON INVITA LONDINESI ALLA CALMA – Il sindaco di Londra Boris Johnson invita i londinesi alla calma e, lasciando l’incontro di emergenza del comitato ‘Cobra’ appena riunitosi e presieduto dal primo ministro David Cameron, sembra indicare che la convinzione e’ che l’attacco di ieri in cui un soldato è stato ucciso nel sud est di Londra sia un episodio isolato. “Quanto sto sentendo mi porta a pensare che i londinesi possano continuare la loro normale vita in città. Porteremo gli assassini davanti alla giustizia”.

TESTIMONE: HO VISTO CAOS E SANGUE – E’ voluta tornare questa mattina sul luogo del massacro Lona Tyler, che ieri aveva assistito tra i testimoni all’uccisione del soldato britannico da parte di due uomini che lo hanno attaccato a colpi di machete in pieno pomeriggio e per strada, tra i passanti. “Sono arrivata appena lo avevano ucciso, è stato terribile, c’era confusione e sangue”, ha raccontato Lona oggi sul posto. “Ho visto il sangue a terra e molta gente si era radunata vicino al corpo, poi e’ arrivata la polizia”. Lona trattiene a stento le lacrime: “Come hanno potuto fare una cosa talmente odiosa e scioccante a un nostro soldato, questa caserma è qui da tanto tempo”, ha aggiunto la donna sui cinquant’anni. “Adesso voglio prendere qualche fiore e portarlo qui per ricordare il soldato”. 

Lucio Filipponio

 

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento