lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nel giorno della “Nakba” palestinese cresce un fronte di pace e di Resistenza dal Libano all’Iran
Pubblicato il 20-05-2013


Nakba-PalestinaUn incontro per parlare della Resistenza “contro le forze imperialiste”. E soprattutto un momento per ricordare la “Nakba” palestinese e la “liberazione” del Sud del Libano dalle forze israeliane. Siamo a Roma, nella sede dell’associazione islamica Imam Mahdi. Mercoledì sera è stato organizzato un incontro con Ghaleb Kandil, giornalista e analista libanese, che ha tratteggiato una panoramica della situazione in Vicino Oriente e della questione siriana, vista ovviamente con gli occhi di chi sta dalla parte della “Resistenza”, di quell’asse che va dalle forze libanesi di Hezbollah all’Iran, passando per la Siria e l’Iraq.

LA NAKBA PALESTINESE – L’occasione era la commemorazione di due anniversari storici. Il primo è quello che i palestinesi chiamano “Nakba”, catastrofe o tragedia, ovvero il giorno della dichiarazione d’indipendenza di Israele che per il popolo palestinese ha significato l’inizio dell’occupazione dei territori e della vita nei campi profughi. Il secondo anniversario è il 25 maggio del 2000 quando le forze armate israeliane hanno lasciato il sud del Libano.

TRA LE EFFIGI DI HEZBOLLAH – Tra effigi di Hezbollah e del presidente siriano Assad, l’intervento di Kandil e il successivo dibattito sono stati momenti interessanti per capire il punto di vista non solo del mondo sciita, ma di tutti quelli che si contrappongono alle politiche israeliane e americane. “Dopo la vittoria nel 2000 nel sud del Libano, c’era una teoria che circolava tra i repubblicani americani: per sostenere Israele in un momento di debolezza, gli Stati Uniti dovevano occupare l’Iraq per fare pressione sulla Siria e tagliare fuori l’Iran. Negli ultimi 13 anni tanti sono stati i progetti del colonialismo per recuperare la sconfitta di Israele nel sud del Libano, ma la Resistenza non è stata piegata – spiega l’analista libanese – Nel 2006 abbiamo assistito a una seconda sconfitta israeliana, l’embargo e le pressioni internazionali non hanno fiaccato l’Iran e la Resistenza libanese è più forte di prima”.

LA QUESTIONE SIRIANA – Per quanto riguarda la questione siriana, invece, Kandil spiega che all’inizio la presidenza siriana “aveva provato a fare le riforme per venire incontro alla richieste dell’opposizione”. Ma poi “almeno 50mila terroristi” sono entrati in territorio siriano, “aiutati dalla Turchia, dal Qatar e dai servizi segreti statunitensi”, per destabilizzare l’area. “I paesi del Golfo che ancora vivono nel tempo delle pietre, nel Medioevo, che non hanno la costituzione e non fanno le elezioni, seguono gli Stati Uniti e il colonialismo. Ma la rivoluzione dovrebbe essere progresso, non come quello che sta succedendo in Siria, ovvero rubare, distruggere, massacrare e fare la spia per il nemico”. Secondo Kandil la Siria in questo momento “sta affrontando il predominio a stelle e strisce nel mondo e tutti i futuri rapporti internazionali inizieranno o finiranno a Damasco”.

MEZZALUNA SCIITA – Nelle parole del giornalista libanese, il racconto di una recente formazione di “milizie popolari” pro-Assad con cui fermare i “complotti imperialisti” e anche la notizia che molti ufficiali che erano passati con l’opposizione stanno tornando indietro, dopo aver visto chi sono e cosa fanno i ribelli. “Assad sarà importante nella storia come Castro o Nasser. Oggi anche l’Iraq ha buoni rapporti con Siria e Iran e questo è un riavvicinamento che fa paura, ma non si tratta di quello che i nemici della Resistenza chiamano “mezzaluna sciita”. Si tratta di un’alleanza per un Medio Oriente di pace e di resistenza, fatto di sciiti, sunniti e cristiani”. Un’affermazione che ovviamente manda in tilt il ragionamento secondo il quale le guerre in Vicino Oriente sarebbero frutto di scontri religiosi tra sciiti e sunniti. “Una delle massime guide sunnite in Siria – spiegano nel centro islamico – l’Imam Bouti è stato ucciso dai ribelli perché era tra chi difendeva Assad e la sua leadership”. E anche la comunità cristiana si è schierata più volte con Damasco. Importanti spunti di riflessione per analizzare la situazione siriana.

Vittorio Romano

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento