lunedì, 19 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dl del Fare: via libera della Camera dopo l’ostruzionismo dei grillini
Pubblicato il 26-07-2013


Boldrini-Dl-FareDopo più di quaranta ore, fatte di due notti e tre giorni di maratona oratoria e di ostruzionismo serrato da parte dei deputati del MoVimento5Stelle, il provvedimento cosiddetto “del fare” è stato licenziato alla Camera. 344 i “sì”, 136 “no” e nessun astenuto su 480 deputati presenti. Ora il testo dovrà essere esaminato a Palazzo Madama per la seconda, e verosimilmente, ultima lettura. Anche se le difficoltà non sono finite: sul tavolo resta ancora la protesta dei grillini che si sono dichiarati pronti a continuare l’ostruzionismo fino a quando l’esecutivo non deciderà di rinviare a settembre il ddl sulle riforme.

L’OPPOSIZIONE PRESENTA 251 ORDINI DEL GIORNO  – Nel frattempo l’opposizione ha presentato 251 ordini del giorno. Il decreto legge deve essere convertito in legge entro il 21 agosto, ma sulla sua approvazione pesano sia il passaggio in seconda lettura in Senato, sia la chiusura dei valori parlamentari fissata per l’8 agosto. L’opposizione ha annunciato battaglia, in particolare, il MoVimento5Stelle – che ha fatto ostruzionismo per protestare contro la fiducia posta e votata mercoledì mattina su decreto legge – ha mosso l’accusa nei confronti del premier Enrico Letta di voler zittire il Parlamento. Sul decreto, il movimento di Beppe Grillo, Sinistra ecologia e libertà (Sel) e Lega si sono dichiarati contrari, presentando diversi emendamenti.

IL DECRETO DEL FARE – Il decreto legge recante disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia, meglio conosciuto come “Decreto del fare” accoglie le raccomandazioni rivolte all’Italia dalla Commissione europea il 29 maggio 2013 nel quadro della procedura di coordinamento delle riforme economiche per la competitività (“semestre europeo”). Le aree di intervento sono varie e molteplici: dal sostegno alle imprese a quello al settore energetico stimolandone la concorrenza (soprattutto nelle società che gestiscono l’erogazione di gas).

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento