domenica, 22 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Leghismo razzista
Pubblicato il 15-07-2013


Che ai leghisti diano fastidio i neri lo sapevamo. La nomina della Kyenge a ministro era stata così commentata da Borghezio: “Questo è il governo del Bonga Bonga”. Una militante di Padova, poi espulsa, aveva auspicato che la Kienge venisse addirittura stuprata. Il bossiano Boso si era augurato che il ministro tornasse in Congo, Borghezio l’aveva verbalmente aggredita all’Europarlamento, mentre militanti leghisti l’avevano circondata a Bergamo in occasione di una sua visita. Maroni, certamente più moderato e forse anche irritato per questi toni, ha però attaccato fortemente, e con lui Salvini, il presidente della Camera Boldrini accusandola di avere proposto nientemeno che lo “ius soli” in luogo dello “ius sanguinis”, che i leghisti difendono, a proposito di cittadinanza italiana per i bambini che nascono in Italia.

Cos’altro devono affermare i leghisti per essere definiti col loro nome, con quello che meritano, con quello che in tanti ancora tardano a pronunciare, e cioè razzisti? Quando la differenza che si coglie è nel colore della pelle o nell’origine della persona, che pure vive in Italia ed è cittadina italiana, si esprime una tendenza razzista. Quando si introduce una differenza tra un bambino nato in Italia da un padre italiano e un’altro nato in Italia da un padre non italiano, si afferma una discriminazione secondo la razza. Il sangue del padre si riversa sul figlio che fino alla maggiore età non potrà essere uguale ai suoi compagni di banco a scuola.

Di che carattere è questa separazione? Sempre di razza. Che dire poi delle scuse di Calderoli che peggiorano la sua posizione, anzi la chiariscono, laddove egli si è augurato che la Kienge possa fare il ministro, ma in Congo. Se fosse di provenienza svedese si sarebbe augurato la stessa cosa? E’ la sua pelle e la sua origine africana che lo turba e lo inquieta. Credo che la Lega sia mai come oggi avversa alle prediche papali. Basterebbe leggere il discorso di Francesco a Lampedusa e accorgersi di come i leghisti, generalmente cattolici, siano oggi lontanissimi dal Papa e dal suo messaggio etico.

Il leghismo nostrano nacque su questioni fiscali, quanto mai attuali, poi si indurì in un antimeridionalismo e ancor più in un atteggiamento generalizzato contro gli immigrati extracomunitari. In quest’ultima fase si è disvelata anche la sua dimensione chiaramente razzista. Un leghismo bianco, sulla scorta dei peggiori movimenti che in America sono proliferati negli anni passati. Ve l’immaginate Borghezio col cappuccio bianco?

 

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento