martedì, 17 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nasce il progetto “Roma mobile”: mostre, conferenze e dibattiti al Centro Studi Cappella Orsini
Pubblicato il 08-07-2013


Romamobile-Cappella OrsiniQuando l’espressione artistica diviene strumento nobile per veicolare l’informazione può nascere un nuovo modo di condividere idee e progetti utili alla collettività: è questo lo spirito che anima “Romamobile” , iniziativa pensata, tenacemente portata avanti e infine realizzata dal Centro Studi Cappella Orsini con il sostegno di vari enti pubblici comunali e regionali. Martedì 9 luglio 2013 alle ore 18 verranno inaugurate, nell’ex chiesa di Santa Maria in Grottapinta, le due mostre a cura di Roberto Lucifero, che raccontano, attraverso la pittura, la videoinstallazione, la scultura e il cimelio presente, passato e futuro della mobilità urbana.

“SOLUZIONI DI MOBILITÁ URBANA”   illustra le strategie d’intervento adottate in alcune metropoli moderne con analoghe esigenze di vivibilità rispetto a Roma. Questa sezione ospita opere di grandi maestri come Arman e Titina Maselli, sorella del regista Citto, e lavori di artisti contemporanei come Alfelf, Paolo Balboni, Silvia Bellini, Franco Bianchi, Paolo Bielli, Elvira Chiodino, Gianna Paola Cuneo, Raffaella Curti, Olympia Dotti, Jack Frankfurter, Paola Gandolfi, Mario Liccardo, Roberto Lucifero, Luca Marchetti, Gilberto Mora, Valerio Musocco, Han Hong Park, Alberto Parres, Rodolfo Pegan, Maghi Spani, Xian, chiamati ad interpretare per l’occasione il tema della mobilità nella metropoli contemporanea.

“VIA GIULIA, DAL CIRCUS FLAMINIUS AL DEGRADO URBANO” – ripercorre la storia di Via Giulia, strada emblema del Rinascimento, frutto del genio del Bramante e della pervicacia di Papa Giulio II, dalla Roma Imperiale, con le quadrighe di Agrippa, alle ultime proposte di riqualificazione dell’area con i progetti degli architetti Paolo Marconi, Maurizio Sacripanti, Aldo Aymonino, David Chippierfield, Stefano Cordeschi, Roger Diener, Paolo Portoghesi, Franco Purini e Giuseppe Rebecchini. Anche questa mostra accoglie l’ispirazione cinetica, talvolta quasi provocatoria, comunque illuminante, di nomi storici del calibro di Giacomo Balla, Duilio Cambellotti, Mario Ceroli, Gaetano Pompa, Gio Ponti, Mario Sironi, Andrea Spadini, Tato, Thayath e Vladimiro Tulli, senza dimenticare la presenza forte del contemporaneo con opere, tra le altre, di Pino Barillà, Francesca Bonanni, Alessandro Ceci e Roberto Tagliani. Questa dialettica tra presente e passato si riflette anche nell’alternanza stilistica tra il “dentro” rinascimentale e il “fuori” postmoderno con una installazione di biciclette a rivestire la facciata della chiesa sconsacrata.

I POLITICI INCONTRANO LE ASSOCIAZIONI FAVOREVOLI ALLA MOBILITÁ SOSTENIBILE – Numerosi rappresentanti della Pubblica Amministrazione e diverse associazioni particolarmente sensibili alle questioni legate alla mobilità sostenibile, soprattutto quelle che attengono al mondo ciclabile, dalla Fiab ai Salvaciclisti, passando per i movimenti nati attorno alle realtà romane della Bikesquare e delle Ciclofficine, daranno vita, nel giorno dell’inaugurazione, ad un simbolico patto di mutuo ascolto e di reciproco confronto tra le istituzioni e i cittadini. Perché il Progetto Romamobile è stato concepito come ideale contenitore di scambio di esperienze e opinioni differenti, come agorà di approfondimento e dibattito sui problemi connessi alla vivibilità urbana, nella consapevolezza che le difficoltà attuali possano essere comprese e affrontate con il concorso di tutti gli attori sociali.

Il PROGETTO ROMAMOBILE COME SPAZIO “POLIFUNZIONALE” – Gli incontri che avranno luogo da luglio a novembre vedranno infatti la partecipazione di rappresentanti delle istituzioni e del mondo accademico, delle associazioni di cittadini, delle scuole e delle categorie professionali interessate. Romamobile, con la sua polifunzionalità fatta di incontri, convegni, tavole rotonde e presentazioni di libri costituisce senza dubbio una novità, se non proprio un punto di partenza, per scrivere insieme il futuro possibile della nostra città.

Nicola Cordone

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento