lunedì, 21 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Comprami, io sono in vendita. Dall’avere un’economia di mercato all’essere una società di mercato
Pubblicato il 23-08-2013


QuellocheisoldinonpossonocomprareOggi si può comprare tutto o quasi. Si può legalmente comprare, vendere, affittare: un utero da una madre indiana (6.250 dollari), in Nuova Zelanda affittare la fronte o qualsiasi altra parte del corpo per farsi tatuare una pubblicità della Air New Zeland (777 dollari), sparare ad un rinoceronte nero in via di estinzione in Sudafrica (150.000 dollari), immettere una tonnellata di anidride carbonica nell’atmosfera della Ue (13 euro) e – per concludere questo elenco che potrebbe continuare a lungo –, negli USA si può comprare una polizza assicurativa sulla vita di una persona malata o anziana, pagare il premio annuale mentre la persona è in vita per percepirne poi l’indennità di morte, che può ammontare anche a milioni di dollari. Abbiamo assistito «all’espansione dei mercati e dei valori di mercato in sfere della vita a cui essi non appartengono», lamenta Michael J. Sandel – professore di Filosofia politica e di Teoria del governo ad Harvard – nel suo ultimo saggio “Quello che i soldi non possono comprare. I limiti morali del mercato” (Feltrinelli).

UNA SOCIETA’ IN VENDITA – Ma perché preoccuparsi di un modello di società in cui tutto è in vendita? «Perché tale modello sviluppa in maniera esponenziale disuguaglianza e corruzione», osserva il professor Sandel. Di più, accade che valori di mercato scalzino valori di non mercato, perché la ricchezza non dà solo la possibilità di comprare yatch e auto di lusso, ma può comprare anche «l’influenza politica, una buona assistenza sanitaria, una casa in un quartiere sicuro, l’accesso a scuole d’élite». Che ne siamo consapevoli o meno, Michael J. Sandel avverte: «quando decidiamo che certi beni potrebbero essere comprati o venduti, decidiamo, almeno implicitamente, che è appropriato trattarli come merce, come strumenti di profitto e consumo».

DALLA ECONOMIA DI MERCATO ALLA SOCIETA’ DI MERCATO – Non aver riflettuto e valutato caso per caso, su un piano politico, etico, sociale – prima che su di un piano economico – quando la salute, l’istruzione, la sfera famigliare e altri aspetti importanti della nostra vita possano essere considerati merci, ci ha fatto passare «dall’avere un’economia di mercato all’essere una società di mercato». Secondo Sandel la metamorfosi è così profonda che neppure movimenti di indignazione popolare molto lontani fra loro, come il Tea Party o Occupy Wall Street, hanno centrato il punto, limitandosi a criticare le operazioni di salvataggio della finanza.

RES PUBLICA PRIVATA – In gioco è la democrazia, che «non richiede un’uguaglianza perfetta, ma richiede che i cittadini condividano una vita in comune». Perché solo così «impariamo a negoziare e a tollerare le nostre differenze», preoccupandoci quindi del bene comune. Di quella “res publica” sempre più privata.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento