venerdì, 20 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Gli Usa sgomenti di fronte ai “volti del male”: tre adolescenti uccidono per noia un giovane australiano
Pubblicato il 21-08-2013


USA killer per noiaErano annoiati e non sapevano come passare la serata. Allora tre ragazzi hanno sparato a uno studente universitario australiano alle spalle, uccidendolo mentre faceva jogging. Christopher Lane era di Melbourne e aveva vinto una borsa studio perché giocava bene a baseball. E’ stato trovato morto a Duncan, a un’ottantina di chilometri da Oklahoma City. In quella città stava studiando alla East Central University.

“I VOLTI DEL MALE” – Un giornale locale ha pubblicato le foto delle loro facce titolando “I volti del male”: gli assassini si chiamano Chancey Allen Luna, 16 anni, James Francis Edwards Jr., 15 anni e Michael Dewayne Jones, di 17 anni. I primi due saranno processati per omicidio di primo grado, l’accusa più grave nel sistema penale statunitense, che in Oklahoma può portare a una condanna a morte. Proprio Luna ha aperto il fuoco sul giovane australiano. Anche se minorenni, i tre saranno processati come adulti, una possibilità prevista in alcuni casi dalla legge statunitense. Jones, che guidava l’auto, sarà accusato solo di complicità e di altri capi di accusa minori.

GLI USA DESTINAZIONE “PERICOLOSA” – E’ stata dura la reazione dell’ex vice primo ministro australiano all’omicidio, Tim Fischer, che ha parlato degli Usa come una destinazione “rischiosa” per gli australiani: «la gente – ha dichiarato Fischer – pensa di andare negli Stati Uniti per affari o turismo, ma si dovrebbe riflettere attentamente sul dato di fatto statistico che negli Usa ci sono 15 volte in più di probabilità a testa per ogni milione di persone di essere uccisi rispetto all’Australia».

IN GEORGIA SI SPARA IN UNA SCUOLA ELEMENTARE – E mentre gli Usa erano ancora sotto shock per quanto accaduto in Oklaoma, un’altra sparatoria, questa volta registratasi nella scuola Ronald E. McNair Discovery Learning Academy, vicino Atlanta, in Georgia ha scosso il Paese. Fortunatamente questa volta non si sono registrati morti o feriti. Subito dopo la sparatoria, che è durata circa 30 minuti, gli alunni sono stati fatti uscire dalla scuola che ha circa 870 studenti. La polizia ha fatto salire i bambini sugli autobus per portarli in un altro luogo dove incontrare i genitori.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento