martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Siria, la crisi piega le Borse: è corsa ai beni-rifugio come oro e petrolio
Pubblicato il 28-08-2013


Borsa-crolloLe crescenti tensioni fra Siria e Occidente, e il verosimile attacco lampo da parte degli Usa, stanno provocando nervosismo tra gli investitori, tanto che Wall Street e tutte le borse europee hanno chiuso al ribasso. A preoccupare invece il mercato italiano e quello europeo è l’instabilità, sempre più accentuata ed evidente, del governo Letta che ha provocato un allargamento del differenziale tra i Btp decennali e i corrispondenti bund tedeschi, facendolo attestare a 260 punti. A destabilizzare il quadro dei mercati vi anche il rischio che la Federale Reserve – la banca centrale statunitense – possa avviare già a settembre la cosiddetta “exit strategy” dalle misure di stimolo e dal rallentamento economico delle economie emergenti, con conseguente fuoriuscita dei capitali internazionali. Nel frattempo cresce la corsa degli investitori verso l’oro e il petrolio sui mercati delle materie prime, preferiti a quelli azionari, fortemente incerti e in netto calo.

L’ORO COME BENE-RIFUGIO – La crisi siriana sta infatti spingendo verso l’alto le quotazioni del metallo prezioso, bene-rifugio per eccellenza. L’oro è infatti scambiato a 1.420 dollari l’oncia, ai massimi dalla fine di giugno. “Il mercato sta ritornando ai fondamentali” spiegavano gli analisti ricordando che per troppo tempo era stato “drogato” dalle politiche ultra-espansive delle banche centrali. In un certo senso, la corsa al metallo giallo, scatenata da una minaccia di un conflitto – in un’area che è già una polveriera – rientra nei fondamentali economici. Ma ha sovvertito le previsioni di così poco tempo fa”.

IN ALTO ANCHE IL PREZZO DEL PETROLIO E LO SPREAD – Oltre alla corsa all’oro, l’imminente attacco militare alla Siria ha fatto volare anche le quotazioni del petrolio: l’oro nero è infatti scambiato a 112 dollari al barile, ai massimi da due anni. Nel frattempo il differenziale tra Btp e Bund decennali ha toccato i 260 punti con un rendimento del 4,43%, mentre si contrae la distanza tra Btp e i corrispondenti Bonos spagnoli: il differenziale tra titoli si è attestato a 263 punti con un tasso del 4,47%.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento