giovedì, 17 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

“Suicide thuesday” il romanzo d’esordio del giovane Francesco Leto sul “mal di vivere”
Pubblicato il 12-08-2013


SuicideTuesdayUn esordio letterario per nulla leggero quello del giovane scrittore calabrese Francesco Leto che nel suo primo romanzo “Suicide thuesday” affronta una storia sui desideri, i rimpianti, la morte e la ricerca di un senso. I protagonisti sono tre ragazzi, apparentemente non collegati tra loro, ma accomunati dallo stesso fil rouge: il mal di vivere. Numerose le citazioni e i rimandi letterari: dal “giovane Kafka” di “Lo splendore dei discorsi” di Giuseppe Aloe, ad Alfonsina Storni, Sylvia Plath e Haruki Murakami. Il romanzo, presentato per concorrere al Premio Strega 2013, è ora inserito nella decina finalista del Premio Sila ’49. 

LA TRAMA DEL ROMANZO – L’espressione inglese “Suicide thuesday” fa riferimento a quella fase di avvilimento, successiva al fine settimana vissuto fra alcool e droghe nel tentativo illusorio di dimenticare sofferenze e ansie. L’ebbrezza del sabato sera va infatti affievolendosi, la domenica si trascorre nel tentativo di smaltire i postumi, il lunedì si subisce la fase del cosiddetto “down”, e il martedì lo stato di prostrazione quasi sfiora la depressione, tanto che ci si lascerebbe morire. E proprio nell’arco temporale di questi quattro giorni che si svolge la storia di Leto che affronta le paure, i fallimenti e i sogni vissuti dai personaggi.

IL GIOVANE AUTORE – Nato in Calabria, nel 1983, Francesco Leto ha studiato storia medievale al “King’s College” di Londra e ha fatto un master in “Legal and Political Studies” alla University College of London. Rientrato in Italia ha vissuto qualche anno a Roma, e oggi vive e lavora a Bologna. Il suo romanzo d’esordio è stato inserito nella decina finalista del Premio Sila, istituito nel 1949 per rispondere alla necessità di ricostruzione culturale, di rinascita materiale e intellettuale di una Italia e di una Calabria uscite dalla guerra e dal ventennio fascista.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento