sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

E se gli dessero la fiducia?
Pubblicato il 28-09-2013


Il Pdl ha chiesto e ottenuto le dimissioni dei suoi parlamentari perché ritiene che la decadenza di Berlusconi equivalga a un colpo di Stato della magistratura, appoggiata dalla sinistra “criminale”. Tuttavia non è ancora chiaro come i parlamentari dimissionari di Berlusconi, lo ha confermato Cicchitto, si comporteranno sulla fiducia che opportunamente Letta ha annunciato di chiedere alle Camere. Mettiamo i due casi. Letta viene messo sotto e il governo va a casa. A quel punto Napolitano, che non vuole le elezioni col Porcellum, gli darà un nuovo incarico per verificare se esiste una diversa maggioranza e il Pdl rischia di andare sotto, magari anche subendo una mini scissione dei suoi, infliggendosi così un esito deleterio da lui stesso provocato. Seconda ipotesi. I deputati e i senatori dimissionari restano tali solo formalmente e votano la fiducia al governo, a un governo presieduto e composto dalla sinistra “criminale” che ha appoggiato il colpo di Stato. Una follia logica prima ancora che politica. Un non senso. Da teatro dell’assurdo. Vorrei sapere chi è lo stratega di questa linea insana, che metterà il Pdl, comunque vadano le cose, in un cul de sac. Non è un caso che proprio nella serata di ieri il Pd abbia approvato praticamente all’unanimità le regole per il congresso, dopo il furibondo litigio dell’altro giorno. È Berlusconi che ha portato la serenità e l’unita nel Pd. Un successone, Cavaliere.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento