giovedì, 17 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

GOFFREDO BETTINI:
“IL PSI HA AVUTO RAGIONE NELLA STORIA”
Pubblicato il 15-09-2013


ape

Se proprio si dovesse scegliere una frase per rappresentare la sintesi della festa socialista di Grosseto, senza dubbio questa sarebbe quella di Goffredo Bettini: «Il Psi ha avuto ragione della storia». Una frase che si inserisce nel dibattito e nelle grandi adesioni che la festa, non a caso chiamata “Europei di lingua italiana”, ha raccolto intorno al progetto socialista di confluenza della sinistra italiana alla grande famiglia del socialismo europeo. La lettera di Vendola al Pse ha, infatti, mosso le acque nel centrosinistra. Una adesione carica di significato, quella del leader di Sel che ha affermato di fronte al popolo socialista di Grosseto: «Ho scelto la casa del socialismo europeo come luogo dove costruire l’Europa». Nencini risponde dichiarandosi pronto a dialogare con Sel «anche a livello nazionale». Sarà possibile presentare una lista del Pse in Italia alle prossime europee della primavera 2014 dunque? Epifani, intervenuto sabato alla Festa socialista, frena: «per fare una lista del Pse in Italia, bisogna prima aderire al Pse. Finora l’unico partito italiano che aderisce al Pse è il Psi».

VERSO IL CONGRESSO DEL PD – Il Pd si avvia verso il congresso. Non è chiara la data, ma Andrea Orlando, ministro dell’Ambiente, gioca d’anticipo: «prendiamo per buono ciò che ha detto Matteo Renzi. Tutti quelli che erano contro l’adesione al Pse sono con Renzi. Ci sono le condizioni perché con la prossima assemblea del 21 settembre il Pd aderisca al Pse». IL segretario socialista, dal canto suo, mette in guardia il Pd da Matteo Renzi: «Renzi è il modello di questa democrazia mediatica. L’elezione di Veltroni alla segreteria del Pd accelerò la caduta di Prodi. La storia può ripetersi».

IL FUTURO DI LETTA – Epifani difende il Governo Letta: «non ci sono alternative. Con questa crisi il Governo non può cadere. In altri Paesi Berlusconi si sarebbe già dimesso e ci sarebbe un altro alla guida del Pdl». Vendola pensa che i problemi a Letta possano venire più da Renzi che non da Berlusconi: «a Berlusconi non conviene staccare la spina a Letta. È l’ultimo gancio che gli rimane con l’esercizio del potere. L’irresistibile ascesa di Renzi crea però uno sciame sismico a Palazzo Chigi».

ILVA E MR. B –  Epifani rende noto a Grosseto che il Governo affronterà entro il 25 settembre la questione dell’Iva. Sull’Ilva Epifani sollecita il Governo a prendere una posizione forte: «con questa crisi non possono chiudere imprese che vanno bene». Infine il voto sulla decadenza di Berlusconi. Il Psi voterà a favore e chiede che non si cambino i regolamenti parlamentari che prevedono il voto segreto in aula. Epifani afferma: «Voto segreto o palese, la nostra posizione non cambia. Non vogliamo liquidare nessuno, ma le leggi vanno applicate».

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ogni nodo viene al pettine, alle elezioni Europee il PD inventerà ancora una delle sue filo filodemocrastianate per non ammettere la sconfitta politica del comunismo italiano e la vittoria politica del socialismo italiano, prepariamoci a fare una lista con chi si iscrive al PSE: Col tempo la storia ci darà ragione e smaschererà la doppiezza dei comunisti italiani.

Lascia un commento