sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La necessità del socialismo
Pubblicato il 25-09-2013


GIOVANI-SocialismoNel precedente articolo ho voluto spiegare qual è la mia idea di Socialismo. Dopo averla spiegata, ritengo opportuno indicarne l’utilità. Non è certo difficile spiegare la necessità della libertà che è alla base del concetto di socialismo, ossigeno per una buona vita e del rispetto reciproco. E’ proprio il tema della libertà e del rispetto che si pongono come cemento del palazzo della società, della meritocrazia per una corretta amministrazione sociale, o dell’importanza della laicità delle istituzioni. Una buona amministrazione, quindi, che coordina la libertà individuale attraverso meritocrazia e rispetto reciproco, indipendentemente dal credo religioso.

Eppure il socialismo è stato bandito, perseguitato, disprezzato…Perché sono state cacciate dalla cosa pubblica tali tematiche, pur così condivise e apprezzate a parole ?

D’altro canto parlando con la gente si sente molto sull’”argomento socialista”. Idee troppo radicate, eccessivo fanatismo, utopie governative e utopie sociali e, soprattutto, una corrente politica rappresentata da un partito su cui pesano troppe questioni irrisolte del passato. Ma proprio le stesse persone che presentano queste osservazioni dovrebbero ricordare che è grazie al socialismo se oggi abbiamo i sindacati a rappresentarci, se viviamo in un paese laico, se possiamo accedere a una pensione, alla sanità pubblica. Inoltre grazie alla visione socialista si è giunti alla pressoché totale scomparsa di forme di “schiavitù” sociali quali in passato sono state la mezzadria e di regole di stampo feudale.

Oggi quindi la gente vede il socialismo in parte attuato, ma non si rende conto del significato e dell’importanza dei concetti socialisti, sia pratici che teorici.

Nella storia si può riscontrare un esempio simile: con il termine “epicureo” s’intende un uomo semplice modesto che ama una vita stabile calma e tranquilla. Molte volte è stato erroneamente detto invece che essere epicureo significa godereccio. Stessa cosa oggi con il termine socialismo, questo viene erroneamente interpretato in modo passatista e ideologicamente “totalitario” a causa di alcuni specifici errori del passato. Quando questo “blocco” mentale si romperà, allora tutti capiranno tutto ciò che c’è stato di buono nella politica del pensiero occidentale.

Qual è, quindi, la vera utilità del socialismo? E’ l’utilità del buono, del bello e del giusto, concetti alla base della cultura democratica occidentale. Molti partiti e movimenti attuali affermano di portare al popolo questi ideali. Spesso però risultano limitati dalle regole e dagli assiomi imposti dai loro segretari ed esponenti, mere posizioni strategiche di non lunga venuta. Essi limitano la libertà, ignorano il concetto pratico di rispetto, costringendo il concetto di meritocrazia relativamente ad amicizie, fratellanze e preferenze.

Un vero socialista, invece, non può negare questi concetti nel loro più ampio significato. La ricerca della migliore politica e la ricerca del socialismo nel governo e nella comunità combaciano. Basta ascoltare, comprendere e attuare, indirizzati da una visione guidata da ideali antichi forti e capaci anche oggi di interpretare il contemporaneo.

Niccolò Musmeci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento