domenica, 20 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La SPD preferisce la Merkel alla Linke
Pubblicato il 24-09-2013


Caro direttore,
la Merkel ha vinto, anzi stravinto, ma mancandogli 5 seggi per la maggioranza è costretta a cercarsi un alleato oppure a tornare alle urne. A detta di quasi tutti i commentatori, è molto probabile che formi una Grosse Koalition con la SPD. La seconda scelta sarebbero i Verdi, la terza nuove elezioni. Stiamo a vedere, ma intanto una cosa è chiara: la SPD esclude di formare una maggioranza alternativa con i Verdi e la Linke. Non ci pensa proprio, eppure i numeri ci sarebbero. Mi spieghi lei perché i socialdemocratici tedeschi, che pure hanno pagato duramente in termini di perdita di voti i governi di coalizione con il centrodestra, escludono la soluzione del governo delle sinistre? Quante lezioni per noi italiani, non solo in materia di sana gestione dello Stato e delle sue finanze, ma anche di politica.
Mi saluti Vendola, Diliberto, la Bindi ecc.
fraterni saluti

Mirko Battaglia, Savona

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Questa è la differenza di fondo tra la socialdemocrazia europea a la sinistra italiana. Vecchia eredità del Pci? Neanche, perché sia Togliatti sia Berlinguer volevano governare con la Dc. Sono i nuovi falso-bipolaristi, che pensano che la reductio a due sia un valore in sè e non si accorgono che per governare non basta vincere. La follia di Prodi di governare con l’Unione e quella di Bersani di tentare un governo addirittura coi grillini ne sono prova lampante.

  2. Diciamo la verità che in Italia i Riformisti sono stati sempre in minoranza ed oggi che i massimalisti sono scomparsi sostanzialmente, non abbiamo un vero e robusto Partito Socialista radicato nel paese per sostenere gli obiettivi che le forze Socialiste e Socialdemocratiche sostengono in Europa. Infatti il PD è uscito dal PSE. La novità importante è che Vendola ha chiesto l’adesione al PSE di SEL e dico al compagno Battaglia che Vendola è diverso da Diliberto. Penso che in previsione delle Elezioni Europee, nelle quali è candidato a Presidente il Socialista Shultz bisogna cercare d formare una Lista Unica con SEL e PD ed avviare la costruzione di un unico soggetto Socialista anche in Italia.

Lascia un commento