martedì, 22 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Risposta ad Abodi sulla Gazzetta dello sport
Pubblicato il 02-09-2013


tifosi calcioAbodi, presidente della Lega B, risponde sulla Gazzetta dello sport a una mia osservazione sui biglietti nominativi negli stadi sottolineando che questi ultimi sono stati utili per cacciare i delinquenti. Gli chiedo se 1) c’erano più delinquenti negli stadi italiani prima del 2006, anno in cui è andato in vigore il decreto Amato e l’obbligo dei tagliandi nominativi, 2) se ci sono più delinquenti negli stadi europei, dove i biglietti nominativi non esistono, che non in Italia, 3) se per caso non gli è venuto il dubbio che i biglietti nominativi non abbiano prodotto l’effetto opposto e cioè che non ci siano meno delinquenti, ma meno persone civli che vanno allo stadio perché non sopportano questa assurda burocrazia.La serie B italiana, della quale Abodi è presidente, è il campionato che vanta meno di un terzo del pubblico delle seconde categorie di Germania e Inghilterra, contandone assai meno anche della stessa Spagna. I dati sono da rabbrividire. In Inghilterra la media nel campionato di seconda divisione o Championship è di 17.660, in Germania nella 2 Bundesliga di 17.271. Nel campionato di serie B italiano è di poco superiore ai 5mila, meno del campionato australiano, turco e ucraino. Abodi, gliene va dato atto, è il primo presidente consapevole di questa situazione di assoluta emergenza e sta lavorando con lena sopratutto sugli stadi, ma anche chiedendo l’abolizione della tessera del tifoso. Dubito però che sia sufficiente.

Mauro Del Bue

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. ABODI sta riformando la serie B con una serie di interventi e iniziative molto interessanti . Vanno dal solidale al fermo della spesa delle società, la diminuzione delle stesse.
    Si confronta con altre realtà e cerca di valorizzare giovani e italiani .
    Mi sembra il più “socialista ” di tutti in un panorama calcistico pieno di satrapi ( presidenti ) e vecchi sfiduciati ( BERETTA ) oltre alla presenza di poteri forti FIGC ( ABETE ) .
    Le sue domande non vanno rivolte a lui . Comunque girerò l’articolo alla lega B . Spero di veder pubblicato il commento ?

  2. ABODI sta riformando la serie B con interventi a tutto tondo, dal solidale, al limite della spesa, valorizzando i giovani e i calciatori italiani.
    Inoltre dal prossimo anno diminuirà le società del campionato, propone riforme molto interessanti. Sulle presenze cerca di riportare il pubblico confrontandosi con società e realtà all’estero.
    Mi sembra il più ” socialista ” nell’arido panorama del calcio italiano dove regnano satrapi ( presidenti ) incapaci ( BERETTA ) poteri forti ( Abete ) . Le domande andrebbero fatte a loro. Sempre che i commenti vengano pubblicati ?

    • Abodi sta facendo cose positive e apprezzabili. Ho solo precisato che coi biglietti nominativi non si tengono fuori i delinquenti dagli stadi, come ha scritto lui, ma le persone normali.

Lascia un commento