sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A: Roma, 6 la regina del campionato
Pubblicato il 30-09-2013


Bologna-Roma-5-0Nessuno, forse nemmeno il più ottimista dei tifosi romanisti, poteva aspettarsi un inizio di stagione simile. La Roma infatti, dopo le prime sei giornate di serie A, si trova in testa alla classifica del campionato a punteggio pieno. Merito dell’allenatore francese Rudi Garcia, accolto con un po’ di scetticismo dalla piazza giallorossa, e dal gruppo di giocatori, che in estate si è ricompattato dopo l’umiliazione subita dai cugini laziali in Coppa Italia e dopo le illustre cessioni di Marquinhos, Osvaldo e Lamela. Proprio queste partenze non erano state accolte bene dai tifosi, che si aspettavano qualcosa in più dal calciomercato alla luce degli ultimi due anni molto deludenti. Invece il direttore sportivo Sabatini non ha sbagliato un colpo, dando esperienza alla difesa con gli acquisti di De Sanctis, Maicon e Benatia, trovando un grande mediano come Strootman e regalando all’allenatore due micidiali esterni d’attacco, ossia Gervinho e Ljajic. E poi c’è Totti (che ha recentemente prolungato il contratto fino al 2016) che, nonostante i 37 anni suonati, corre ancora un ragazzino ed è il vero leader di questa squadra. Nell’ultimo turno di campionato, la Roma ha strapazzato il Bologna per 5-0 regalando una serata magica all’Olimpico. E’ tuttavia presto parlare di scudetto, ma la tanto attesa svolta è arrivata.
 
JUVENTUS E NAPOLI NON MOLLANO – Juventus e Napoli però non restano a guardare. Le due squadre sono a quota 16 in classifica, a -2 dalla Roma capolista. I campioni d’Italia in carica, nell’ultimo turno di campionato, hanno vinto il derby contro il Torino (gol di Pogba). A fine gara inevitabili polemiche, con i granata che si sono lamentati con l’arbitro per il gol irregolare del centrocampista francese. I bianconeri, attraverso twitter, hanno risposto facendo notare i 0 tiri degli avversari verso la porta di Buffon e il brutto fallo di Immobile su Tevez (che ha ‘postato’ la foto della caviglia ferita), non sanzionato dal direttore di gara con il cartellino rosso.
 
Il Napoli, invece, ha giocato sabato pomeriggio contro il Genoa, espugnando il ‘Marassi’ per 2-0 grazie a una doppietta di Pandev. Nonostante le partenze dell’allenatore Mazzarri e del ‘Matador’ Cavani, la squadra del presidente De Laurentiis è rimasta competitiva ed è una seria candidata al tricolore che manca nel capoluogo campano dai tempi di Maradona.
 
LE MILANESI – L’Inter con il pareggio 1-1 contro il Cagliari (sul campo neutro di Trieste) si trova solitaria al 4° posto con 14 punti. Anche in questo caso, si può parlare di un inizio di stagione positivo e inaspettato, considerando il mercato praticamente nullo della società. Massimo Moratti infatti è vicino alla cessione del 70% delle azioni al magnate indonesiano Erick Thohir e la squadra è rimasta praticamente la stessa dello scorso anno, che concluse al 9° posto. Il nuovo allenatore, Walter Mazzarri, però sta facendo un lavoro straordinario rilanciando giocatori che sembravano perduti e isolando l’ambiente dalle voci societarie, che potrebbero distrarre i giocatori. 
 
La delusione di questa prima parte di campionato è invece il Milan. I rossoneri, nell’ultimo turno di serie A, hanno battuto a San Siro la Sampdoria, ma in classifica sono fermi a 8 punti, già a -9 dalla Roma capolista. Il tecnico Allegri ha più di un alibi, con una lunga lista di infortunati e la squalifica di Balotelli (fermato 3 turni dal giudice sportivo per una plateale protesta contro l’arbitro Banti al termine di Milan-Napoli). Tutto ciò però non può giustificare un avvio così stentato e il numero che allarma maggiormente riguarda la difesa, con ben 10 gol subìti. Il campionato è appena iniziato, ma bisogna in fretta correre ai ripari.
 
LE ALTRE, SORPRESE E DELUSIONI – Tra le altre squadre, bisogna sicuramente sottolineare l’ottimo inizio di due neopromosse dalla serie B. Si tratta dell’Hellas Verona, tornato nella massima serie dopo 11 anni, e del Livorno. Rispettivamente a quota 10 e 8 in classifica, l’inizio delle due squadre sta andando al di là delle più rosee previsioni. Chi si trova, invece, in grave difficoltà sono le due squadre di Genova. La Sampdoria è in fondo alla classifica in compagnia del Sassuolo, con soli 2 punti, mentre il Genoa è ferma a 4 e l’unica gioia stagionale è arrivata con la vittoria per 3-0 nel derby della Lanterna. La squadra del presidente Preziosi ha appena esonerato il giovane tecnico Fabio Liverani e ha richiamato Giampiero Gasperini, già sulla panchina del ‘Grifone’ dal 2006 al 2010 e autentico idolo dei tifosi.
 
LA CLASSIFICA – Questa la classifica della serie A dopo 6 turni, in attesa del posticipo di lunedì sera tra Fiorentina e Parma.

Roma 18

Juventus 16

Napoli 16

Inter 14

Fiorentina* 10

Lazio 10

Verona 10

Livorno 8

Milan 8

 Torino 8

 Cagliari 7

 Udinese 7

 Atalanta 6

 Parma* 5

 Genoa 4

 Catania 4

 Chievo 4

 Bologna 3

 Sampdoria 2

 Sassuolo 2

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Analisi assolutamente condivisibile!
    Competenti ed apprezzabili le valutazioni sulle varie squadre allo stato attuale del Campionato.
    Al di là dei risultati, felici le intuizioni sui trascorsi movimenti di mercato della Società della Roma.

  2. Il problema è che a Roma e per la Roma mai niente è normale.
    Da romanista, siamo abituati alle montagne russe da sempre. Dunque: nessun dramma prima, nessuna euforia adesso.
    Il nostro obiettivo resta la Champions e sarebbe già un grande risultato stagionale, anche economico, per costruire una squadra che possa vincere lo scudetto non oggi ma fra 3 anni. Anche se sabato vinciamo con gli indonesiani…

Lascia un commento