sabato, 16 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Socialismo, chi è mai costui?
Pubblicato il 05-09-2013


Socialismo-ESTLe parole posso avere molti significati: mio nipote, 26 anni, ritiene che socialista sia sinonimo di … non lo dico. Socialista e Italiano, qualcuno che, in sintesi, ha valori che si richiamano alla tradizione di un partito che conosce cosa significa fare politica, nei momenti di gloria e di grande consenso, e anche nei momenti in cui i consensi svaniscono. Non sono tra coloro che hanno corso dietro alle etichette che portavano voti, ma penso che ognuno di noi debba, quando se la sente, provare a divulgare buon senso.

La stranezza peggiore verificabile in Italia è la totale inaffidabilità delle dichiarazioni politiche, di ciò che i partiti promettono rispetto alle azioni che poi compiono in Parlamento e nelle amministrazioni. Socialismo è anche lealtà e onestà, e voglia di innovare, con coraggio. Le buone idee e le buone pratiche hanno valore al di là del riscontro elettorale. E a mio modesto avviso, chi è condannato deve sapere come comportarsi, tenendo fede all’impegno etico assunto al momento della candidatura. Un candidato deve saper essere candido.

Non mi pare di aver difeso alcuno nelle mie poche righe: per meglio chiarire, ritengo si debba mantenere un atteggiamento di serietà politica, senza farsi influenzare dal tam tam del tritacarne mediatico. Ricordiamo i comunisti del “noi abbiamo le mani pulite”? Il Di Pietro dalle mani pulite e la sua discesa in campo? Il Bossi che aizzava le folle contro i socialisti e i democristiani che sprecavano fondi pubblici?

Se guardiamo le occasioni storiche, in Italia e in altri paesi, in cui sono stati fatti fuori avversari politici in maniera “anomala”, ci accorgiamo che l’essere moderati in certe occasioni e molto più intelligente e lungimirante piuttosto che fare “esercizi di strabismo”, come direbbe Mauro.
Guardiamo “Avanti”

Gabriele Amadio

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento