domenica, 19 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Basilicata vince Marcello Pittella,
ottimo il risultato del PSI
Pubblicato il 19-11-2013


Pittella-vittoria-BasilicataCol 60% dei voti, Marcello Pittella, candidato del centrosinistra alle regionali in Basilicata, è il nuovo presidente della Basilicata nelle elezioni regionali di domenica e lunedì, in un mese insolito per andare alle urne. Pittella succede a Vito de Filippo, sempre del PD, che si era dimesso il 24 aprile scorso dopo solo tre anni dalle elezioni per un’inchiesta sui rimborsi illeciti che aveva coinvolto anche alcuni dei suoi assessori. Il nuovo consiglio regionale è composto da 20 consiglieri – neppure una donna – in luogo dei 30 precedenti. I risultati hanno riservato qualche sorpresa.

Ottima performance della lista PSI, che con il 7,5% risulta il secondo partito della coalizione di centro-sinistra ed elegge un consigliere, Francesco Petrantuono. Tra le liste a sostegno di Pittella, il PD ha ottenuto il 24,8%, la lista del presidente il 16,1 %, il PSI il 7,5%, la lista Realtà Italia il 5,9% %, il Centro democratico il 5%, l’Idv il 3,4%. Sinistra ecologia e libertà si è presentata da sola ottenendo il 5,2%, mentre la lista del Movimento Cinque Stelle col 13,2 % ha subito un vero tracollo perdendo oltre dieci punti rispetto alle politiche di otto mesi fa. Molto male anche il raggruppamento di centro-destra a sostegno del candidato Salvatore Tito Di Maggio, che ha raccolto appena il 19,4 %, con il Pdl al 12,2% e l’Udc al 3,8%. Impressionante il calo dei votanti, dal 62 al 47 %. Dunque, dopo il Pd il Psi risulta il secondo partito del centro-sinistra, staccando sia SEL, sia il Centro Democratico, che rappresentavano liste presenti nella coalizione dell’‘Italia bene comune’ alle politiche di febbraio.

Grande soddisfazione in casa socialista con il segretario regionale, Livio Valvano raggiante. Ma il risultato davvero strepitoso per i socialisti è stato quello ottenuto a Melfi, Sindaco lo stesso Livio Valvano, dove il PSI è il primo partito con oltre il 23%, capolista Francesco Pietrantuono. A Melfi i socialisti hanno ottenuto circa 1.600 voti e rispetto alle elezioni precedenti hanno raddoppiato quasi il 12,6% ottenuto nel 2010. Nella città poi ha votato quasi il 52%, degli aventi diritto, in chiara controtendenza rispetto all’affluenza dell’intera regione.

“Lo avevo detto in campagna elettorale. Il Psi della Basilicata – ha commentato il segretario nazionale del partito, Riccardo Nencini – è come il Barcellona: nelle grandi occasioni non perde mai. Il Psi è l’unico partito che cresce nonostante il calo dell’affluenza al voto.  Uno straordinario risultatoi. Potrebbe trattarsi di un nuovo inizio confermato dal crollo del populismo di Grillo e dalla crisi del centrodestra”.

Per tornare invece ai ‘perdenti’, bisogna sottolineare come il voto di protesta questa volta abbia premiato solo in parte il Movimento 5 stelle che non è stato in grado di ripetere l’exploit delle ultime consultazioni politiche, confermando una tendenza che fino a oggi si è ripetuta in tutte le consultazioni locali. Male anche i radicali che si erano presentati candidando Elisabetta Zamparutti e la lista della Rosa nel Pugno.

Il test della Basilicata col fortissimo astensionismo, sembra dunque confermare la crescente disaffezione di una parte dell’elettorato che non trova risposte nell’offerta politica e mostra sfiducia nella capacità delle forze politiche di dare risposte ai problemi della regione. Nello stesso tempo però tra l’elettorato che invece si è recato alle urne, prevalgono nettamente i partiti più radicati nel territorio, il PD e il PSI, mentre sembra ridursi l’area dei consensi della sinistra radicale e il centrodestra sembra all’acme di una crisi di rappresentanza che ha portato, soprattutto il partito di Berlusconi, ai livelli più bassi conseguiti fino a oggi.

Armando Marchio

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Esulto anch’io per lo straordinario successo ottenuto dal partito in Basilicata, ma ancor più per Melfi.
    Complimenti al compagno Livio Valvano.
    Comprendo la sua soddisfazione perchè anch’io sono stato sindaco socialista e so che quando si lavora bene sul territorio i risultati ti premiano.

Lascia un commento