martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cicchitto e la fronda
Pubblicato il 07-11-2013


Oggi il buon Fabrizio scrive una lettera aperta su “Il Corriere” rivolgendosi a Berlusconi, la prima pubblica, sembra, dopo molte inviategli in privato. E traccia la linea del non ritorno. Se il Pdl deciderà al prossimo Consiglio nazionale di ritirare la fiducia al governo Letta si apriranno, secondo Cicchitto, due scenari. O le elezioni anticipate, con la vittoria del Pd, ma precedute dalle probabili dimissioni di Napolitano che non accetta che si voti col Porcellum, o la formazione di un governo di scopo, col compito di fare le riforme e col Pdl marginale. Entrambe le soluzioni sono però impossibili se Cicchitto e i suoi confermeranno la fiducia a Letta. E questo pare certo. Dunque di che preoccuparsi? Chi è causa del suo mal pianga se stesso. Una sola mossa esclude le altre due. E la mossa del cavallo esclude il cavaliere.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento