venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Pd e l’umore popolare
Pubblicato il 03-11-2013


Una volta il Pci ci teneva ad alcuni valori non negoziabili: il rapporto col sindacato e in particolare con la Cgil, la pace, il valore dell’arco democratico, l’unità della sinistra alla quale spesso sacrificava legittime posizioni. La Dc aveva in mente la sua centralità sia rispetto alla destra sia rispetto ai comunisti, credeva nei valori della Chiesa, senza mai delegarle il suo ruolo politico, voleva consolidare il rapporto con gli Stati uniti. E altro, molto altro. Oggi la politica ha subito una involuzione. Certo non esiste più un mondo rispetto al quale stabilire le discriminanti del passato. Ma rispetto al nuovo mondo i partiti italiani, che hanno ripudiato quelli del Novecento, e questa è una anomalia di tutta l’Europa, non hanno saputo proporre nuovi valori. Sembra che anche il Pd sia stato ormai inficiato dal fondamentale criterio di scelta del Pdl: la popolarità, stabilita attraverso i sondaggi. Non importa se si ritene giusto quel che si sostiene, l’importante è che sia gradito. Renzi rappresenta meglio di altri questo approccio. Anche perché è certamente il più nuovo e il meno legato alle esperienze del Novecento politico italiano. Le sue posizioni sull’amnistia rispondono alla sua coscienza o alla preoccupazione di perdere consensi? E quella, non solo di Renzi, ma della maggioranza de Pd, di scegliere il voto segreto per la decadenza di Berlusconi risponde a una precisa convinzione o alla identica logica e cioè di cavalcare la tigre della popolarità? E questo tentennamento sulla Cancellieri a cosa risponde? La politica nobile, quella che noi abbiamo conosciuto, ci ha insegnato che a volte bisogna sapere remare controcorrente. Il ché rende anche più forte e stabile la nostra imbarcazione, più salda la rotta e più sicuro l’approdo. Volere sempre assecondare gli istinti della piazza è la peggiore rappresentazione possibile del riformismo socialista. Turati volle schierarsi contro il primo sciopero generale, quello del 1904, seppe resistere all’ammaliante sfida di tanti miti. Volle perfino sorridere del mito dei soviet al congresso del 1919. Craxi seppe sfidare i più coi missili a Comiso e con la scala mobile. I leader non hanno mai paura, non si fanno dettare le posizioni dall’umore popolare. Non si arrendono quando le loro scelte paiono minoritarie. Anzi, lavorano perché diventino maggioritarie. Anche per questo oggi non ci sono più leader, ma solo sondaggisti.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
    • Dico chiaramente che, se continua così, non andrò a votare Matteo Renzi alle primarie. Non so quanto possa essere significativa la mia reazione alle ultime posizioni però ho già scritto pubblicamente (e anche a lui personalmente) quanto sia stata incomprensibile, per me, la sua posizione contro il ponte di Messina. Quanto sia all’acqua di rose il suo sostegno ad una seria politica industriale, la sola in grado di non far perdere, all’Italia, il treno della ripresa economica. Ho pensato che le sue fossero posizioni tattiche per raccogliere anche il consenso dei sognatori del PD. Ma è certame non negoziabile la lealtà verso il Governo Letta e verso il suoi ministri. E’ particolarmente odiosa la guerriglia dei suoi sodali contro Anna Maria Cancellieri, vittima della macchina del fango, nonostante abbia dimostrato non comuni doti di saggezza e capacità nella sua quarantennale attività al servizio dello Stato. Ringrazio Matteo Renzi per il benefico scossone che ha dato al PD e gli auguro, comunque di diventare segretario. Io però non sarò uno dei suoi fedelissimi, Cercherò, nell’area socialista e liberale, di trovare il vero bandolo della matassa. Per esempio ispirandomi all’opera di Adriano Olivetti, combattuto dai servizi americani e dal capitalismo più arretrato. Spiegando perché la sua azienda fu vittima della speculazione finanziaria che ne distrusse anche la scuola. Che tentò perfino di distruggerne la memoria, mandando al macero la sua biblioteca.

      • Finalmente siamo d’accordo su qualcosa, condivido un’anali perfetta e impeccabile sotto tutti gli aspetti, ma ti chiedo, ti sei mai chiesto perché dal 1992/94 non emergono leader e non c’è più traccia di nuova leva politica sia per i militanti che per potenziali leader?

Lascia un commento