lunedì, 18 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Le solite differenze, le nostre ragioni!
Pubblicato il 04-11-2013


Più volte in questi anni amici, conoscenti, mi hanno chiesto come mai fossi ancora un socialista, dato che i socialisti ormai erano pressoché scomparsi, non più di moda ed in ogni caso contassero poco nel panorama politico italiano, esortandomi a fare altre scelte nell’alveo più ampio e comodo della sinistra italiana; molti compagni ed iscritti, comunque legati alla nostra storia ed alla nostra tradizione, mi hanno invece chiesto se avesse ancora un senso continuare ad impegnarsi per una forza politica che ormai appare prossima ad esalare l’ultimo respiro.
Elaborare delle risposte credibili non è stato sempre facile, non posso neanche dire se quelle argomentazioni siano state sempre convincenti, ma ci ho comunque provato, forse anche qualche volta per “dovere d’ufficio”, facendo ricorso a reminiscenze storiche, conquiste del passato, ragioni ideali.
Poi d’un tratto: applicazione della Legge Severino, Amnistia ed Indulto, Voto Palese vs Voto Segreto.
Torna a scorrere il sangue nelle vene, aria di garantismo e di libertà, di giustizia e razionalità, di riforme e pragmatismo; ecco, le ragioni, di nuovo a casa!

Francesco Castria
Assessore Provincia di Parma

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento