domenica, 19 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’uovo di Mastrapasqua
Pubblicato il 15-11-2013


Ammettiamo pure che si tratti di un manager di grandissimo valore. E ammettiamo anche che alcuni incarichi di Antonio Mastrapasqua, attuale presidente del’Inps, siano collegati al suo incarico. Ma ventidue poltrone, dall’Inps a Equitalia, passando attraverso Telecom, Coni servizi, Autostrade, sono davvero tante. Diciamo anche che il compenso complessivo rilevato dal Corriere in 1 milione e 200 mila euro l’anno, probabilmente anche lordi, è da capogiro. Non a caso proprio in queste ore sono rimbalzate contemporaneamente due notizie. La prima riguarda gli emolumenti dei dirigenti pubblici italiani che sarebbero di tre volte superiori a quelli degli altri paesi. La seconda riguarda un’affermazione del presidente dell’Inps che dubita che il suo istituto riesca ad assicurare le pensioni agli italiani. Poi Mastrapasqua si smentisce e assicura che è tutto sotto controllo. Due eventi quanto mai eloquenti. L’uomo che con ventidue incarichi e con un emolumento tra i più esosi per lo Stato italiano, e noi abbiamo sempre richiamato l’attenzione su questo e non tanto sugli stipendi dei parlamentari, che afferma che i pensionati forse verranno mandati sul lastrico. Ma non è vergognoso? Prima di fare affermazioni simili e poi di smentirle probabilmente dopo telefonate furibonde coi ministri competenti, il signor Mastrapasqua non ha sentito il dovere di dimettersi da almeno una quindicina di incarichi e dimezzare almeno il suo emolumento? Una mossa che parrebbe perfino ovvia. Sarebbe un uovo di Colombo questo. Invece l’uovo di Mastrapasqua contiene una sorpresa. Un allarme, rientrato, sulle pensioni altrui e la conferma del suo stato di assoluto privilegio. Così non va bene. Per niente. Malapasqua…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ci risiamo, dobbiamo continuare fino alla noia a denunciare vergognose situazioni come quelle di Mastrapasqua.
    Bene direttore,chiediamo alla politica di agire subito, per riportare la bara al centro e stabilire per legge il tetto ai compensi dei manager e il numero degli incarichi che possono ricoprire.
    Quanto occorre obbiettivamente per vivere benissimo su questa terra? Diamo lore quello che necessita e basta; supongo che saranno molto ma molto inferiori gli emolumenti di quelli che percepiscono adesso.
    Cari politici senza palle d’acciaio, aspettiamo che si arroventi la piazza?

Lascia un commento