sabato, 16 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mozioni centrifughe
Pubblicato il 25-11-2013


Verso il Congresso Socialista di Venezia (29-30 novembre e 1 dicembre 2013) sono state indirizzate ben 3 mozioni congressuali.

Sono ispirate rispettivamente dal Segretario nazionale Riccardo Nencini (Mozione 1), da Franco Bartolomei (Mozione 2) e da Angelo Sollazzo (Mozione 3).

Una primissima valutazione di esse, in tempi di carestia come gli attuali, va fatta in ordine di impiego cartaceo. La prima ha richiesto 5 pagine formato A4, la seconda ben 12 stesso formato, la terza 9 pagine comprensive di addendum di 3 pagine a firma di Manuel Santoro ed altri 31 compagni.

La prima mozione oltre ad essere succinta e compendiosa di contenuti per “la società della fiducia” a mio parere è ampiamente condivisibile. Senza sproloqui politichesi ha incentrato su 5 tematiche il costrutto congressuale da sviluppare a Venezia. Tutte di ampio spettro per la convergenza di governo e la rainbow utile per la casa del socialismo europeo.

La seconda mozione si colloca su una linea “ad eruptio”per una sinistra socialista remota ed improponibile dopo lo storico Congresso socialista di Palermo del 1981 con Bettino Craxi.

La terza mozione “per il cambiamento e la rigenerazione del PSI” apre ad una convergenza di sinistra per il profondo rinnovamento degli intenti politici, oltre ad introdurre la figura di Presidente del partito in ROBERTO BISCARDINI. Dopo questo incipio ritengo opportuno ritornare sul concetto di convergenza centripeta di governo e l’affinità consolidata del PSI con i partiti di centrosinistra. Concordo con Massimo Salvadori sul fatto che è una democrazia ammalata quella italiana, forse una post-democrazia soffocata dalla crisi della politica tra partiti personali e primarie massimaliste. La chiusa è per la delusione manifesta sulle ultime due mozioni centrifughe palesate dai numerosi compagni promotori sinistrorsi. Mi conforta la loro buona fede sull’allargamento ampio delle adesioni al PSI e la fiducia elettorale.

Manfredi Villani
Milano

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento