sabato, 16 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bratislava. Socialdemocratici
passano il test delle regionali
Pubblicato il 13-11-2013


Slovacchia-Robert FicoBratislava – Si sono tenute, sabato 9 novembre, le elezioni in Slovacchia per il rinnovo dei Consigli Regionali (sistema proporzionale con sbarramento del 5%) e delle presidenze (elezione diretta dei governatori, con ballottaggio se nessun candidato supera al 1° turno il 50% dei voti) nelle 8 regioni autonome, in cui è ripartito il territorio della Slovacchia, lo Stato dell‘Europa centrale sorto il 1° gennaio 1993 dalla separazione consensuale dalla Repubblica Ceca.

Le elezioni, che hanno luogo ogni 4 anni, costituivano un importante test, soprattutto per il monocolore socialdemocratico, che da piú di un anno governa la Slovacchia. L‘affluenza alle urne è stata tuttavia alquanto bassa: appena il 20,11% degli elettori è andato a votare.

Solo tre governatori su otto sono stati eletti al primo turno: Juraj Blanár (54,01%), Jaroslav Baška (53,45%) e Peter Chudík (53,78%), tutti e tre del partito socialdemocratico Smer-Sd (Direzione-SocialDemocrazia). Nelle altre 5 regioni i candidati Smer-Sd vanno tutti al secondo turno, che si terrá il 23 novembre prossimo. I consiglieri regionali eletti nelle liste dello Smer-SD sono passati dai precedenti 134 su 408 agli attuali 161/408. Per quanto riguarda i voti di lista in tutta la Slovacchia, i socialdemocratici hanno ottenuto il 39,7 %, di fronte al 33,09 % delle precedenti regionali del 2009. Alle politiche del 2012, lo Smer/Sd aveva però ottenuto il 44,41%, ma il calo attuale può in buona misura attribuirsi alla frammentazione delle liste che si verifica in questo tipo di elezioni.

Il leader dello Smer-Sd, nonché premier della Slovacchia, Robert Fico è apparso soddisfato dei risultati.

Ferdinando Leonzio

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento