mercoledì, 22 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La patrimoniale
Pubblicato il 21-12-2013


C’è una gran confusione quando si parla di patrimoniale. Sugli immobili esiste già ed è l’Imu, ieri Ici, oggi Trise, poi Tuc e adesso pare abbiano deciso di chimarla Iuc. Si può discutere il fatto che l’abbiano soppressa sulla prima casa, ma che sia una patrimoniale sugli immobili è certo. Anche perché viene prelevata in base alla estensione dell’immobile e al suo valore catastale. Dunque chi più ha, più paga. Poi esiste l’Irpef. È vero che in Italia esiste solo sulla carta, perché viene pagata solo dai lavoratori dipendenti, mentre gli autonomi la pagano secondo coscienza, e spesso cattiva coscienza, visto che abbiamo l’evasione fiscale più alta d’Europa. Esiste anche una forma di prelievo sui depositi bancari, dunque sui patrimoni mobiliari, che il decreto Salva Italia e la legge di stabilità 2013 hanno ulteriormente aumentato, ed esiste una tassazione delle transazioni finanziarie (Tobin tax) recentemente approvata. Quando si parla di patrimoniale di cosa si parla, dunque?

Si dice che dovremmo chiedere un ulteriore contributo alle grandi ricchezze. In Francia Hollande aveva deciso una supertassazione dei ricchi, col 75 per cento di imposizione fiscale oltre il milione di euro, che poi è stata successivamente invalidata e che aveva già determinato una tendenza non trascurabile alla fuga dalla Francia. Possiamo tentarla anche in Italia? Non saprei con quali conseguenze. Si potrebbe puntare a una richiesta di contributi una tantum dei patrimoni accertati che superino una certa cifra. Nomisma, dunque in qualche misura lo stesso Prodi, fa un conto. Visto che quasi il 50 per cento della ricchezza è in mano in Italia a poco più del 10 per cento degli italiani, applichiamo a costoro un prelievo una tantum del 10 per cento, suddiviso in tre rate annuali, e avremo un recupero di 113 miliardi, con quote di 38 miliardi l’anno.

A me pare una buona idea, una idea giusta e giustificata dalla grave crisi italiana, un ottimo incentivo a rilanciare l’economia, investendo gran parte di quel patrimonio nell’abbattimento delle tasse sul lavoro e sulle imprese. Resta il fatto che l’operazione si presenta tutt’altro che semplice, non solo per le evidenti resistenze politiche e per la difficoltà tutta italiana di accertare i redditi (si parla di ricchezza liquida, ma per censire la ricchezza non basta), ma anche perché il rischio che si produca un esodo alla francese, e qualche colpo di scena della Corte costituzionale, appare tutt’altro che remoto. Ai piccoli passi di Letta, che quest’oggi ha confessato di non essere Babbo Natale, si contrappone l’intrigante e miracoloso messaggio della prodiana Nomisma. E non siamo ancora all’Epifania coi doni dei tre re Magi…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Condivido che l’idea sia buona anche se le difficoltà ci sono effettivamente, ma per questo non si deve abbandonare l’idea a priori. Noi parliamo spesso di un’equa redistribuzione della ricchezza e questa idea potrebbe essere valida se perseguita con fermezza. Per quando riguarda la tassazione sulle case mi potrebbe star bene, se anche in questo caso, ci fosse a monte una conoscenza precisa del patrimonio immobiliare, comprese le troppe case abusive ed un aggiornamento catastale per tutte.

  2. concordo sul fatto che una patrimoniale sugli immobili esiste già ed anche, con vari balzelli, sui patrimoni mobiliari. Quello che va fatto con urgenza è l’accatastamento di tutti gli immobili fantasma ed una seria valutazione degi immobili con variazioni almeno biennali. Inoltre basta lasciare margini troppo ampi ai comuni per aumentare le aliquote,basta verificare il rapporto abitanti/dipendenti perrendersi conto di sprechi clamorosi.

  3. Concordo con chi propone l’aggiornamento catastale. Con gli strumenti satellitari di oggi, si può scandagliare il territorio al centimetro cancellando l’abusivismo. Siamo, per caso, di fronte ad uno scoglio catastalgiuridico?

  4. Non credo nelle soluzioni miracolose. Nemmeno in quella di Nomisma/Prodi. Tutti dicono che le tasse in Italia sono troppo alte ma, la soluzione proposta é la patrimoniale. Non so come fanno a calcolare l’entità dell’evasione fiscale ma se é vero che é così alta, mi chiedono perché non si riesce a far pagare le imposte a che di dovere, sarebbe più serio. Mi chiedo perché lo stato lascia che troppi imprenditori paghino il pizzo anziché le imposte dovute, non si può chiedere di pagare tasse e pizzo. L’uno o l’altro! Per chiudere sulla patrimoniale sulle grandi fortune, la tassazione sarà sui patrimoni superiori di un euro al patrimonio di chi proporrà la patrimoniale.

Lascia un commento