domenica, 16 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

LUDOPATIA: LA BATTAGLIA SOCIALISTA CONTINUA
Pubblicato il 20-12-2013


LUDOPATIA-Gioco dazzardo

Va avanti la battaglia di civiltà che i socialisti hanno intrapreso per contrastare il gioco d’azzardo e le ludopatie, una piaga che aumenta esponenzialmente con il crescere del disagio sociale e della crisi economica. La strenua opposizione del PSI all’emendamento del decreto “Salva Roma”, che penalizzava le regioni impegnate nella lotta alle ludopatie, dal Senato si è infatti spostata alla Camera, dove oggi è stato accolto un ordine del giorno presentato dai deputati socialisti sempre inerente la problematica del gioco d’azzardo. Soddisfazione è stata espressa da Marco Di Lello, presidente dei deputati socialisti ed estensore dell’OdG, mentre sul fronte dell’emendamento al decreto legge “Salva Roma” – approvato in Senato lo scorso mercoledì – duri sono stati i commenti del segretario del Psi e senatore, Riccardo Nencini.

DI  LELLO: UN SUCCESSO PER LA PATTUGLIA SOCIALISTA“Una prima importante vittoria, ora aspettiamo il governo alla prova dei fatti: già domani sull’emendamento al “Salva Roma”, e poi sull’attuazione del Balduzzi, ma con l’accoglimento del nostro OdG le concessionarie dei giochi dovranno ridimensionare il panettone di Natale”. Questa la dichiarazione di Marco Di Lello in seguito alla decisione di accogliere l’ordine del giorno che “impegna il governo ad aumentare gli introiti derivanti dal gioco d’azzardo sia attraverso l’aumento del prelievo erariale, sia contrastando il gioco illegale che sottrae rilevanti introiti all’erario e alimenta la criminalita’ organizzata” ha aggiunto l’esponente socialista. “Questi ricavi potranno essere in parte reinvestiti per la cura dei malati patologici di ludopatia” ha concluso Di Lello.

NENCINI: NOI I PRIMI A SOLLEVARE IL PROBLEMA Per quanto concerne l’emendamento presentato da un’esponente del Nuovo Centro Destra (Ncd) – che prevede la riduzione dei trasferimenti statali verso quelle Regioni ed Enti locali che ostacolano la collocazione negli esercizi pubblici delle slot machine – duri sono stati i commenti del leader socialista Riccardo Nencini che lo ha definito come “estremamente grave” poiché va a penalizzare le Regioni virtuose in caso di regolamentazione al ribasso del gioco d’azzardo. Il prossimo appuntamento della battaglia socialista sulle ludopatie è per domani alla Camera, dove i deputati del Psi chiederanno la cancellazione di un emendamento che va ad eliminare una concreta possibilità di contenere la diffusione di una piaga sociale come quella della dipendenza patologica dal gioco d’azzardo.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. un piccolo riconoscimento della battaglia fatta per primo da Necini è stata riconosciuta da La7 ! Fusse che fusse la volta bona! e non solo ricordarsi di noi parlando del piccolo Lavitola che viene ricordato sempre come direttore de L’Avanti (l’altro).

  2. in Italia c’è tanta gente ipocrita.(QUELLI DEL PARLAMENTO, SOPRATTUTTO PERCHE’ MASSONI)………….che non riconosce mai le iniziative e le conquiste civili liberal-democratiche-socialiste- radicali.ed ecco che spesso si ricorda dei vari LAVITOLA associati a BERLUSCONI……………bhé è meglio non FARE I NOMI DI ALTRI come LAVITOLA——————–Franco

Lascia un commento