lunedì, 21 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Teatro, “Maratona di New York”: la corsa e il senso della vita
Pubblicato il 04-12-2013


Maratona New YorkDue amici, un allenamento notturno, una strada di campagna, un traguardo da raggiungere. Questi gli ingredienti di “Maratona di New York” pièce teatrale firmata da Edoardo Erba, interpretata e diretta da Cristian Giammarini e Giorgio Lupano. Sul palcoscenico i due giovani attori affrontano una sfida fisica oltre che verbale: nello spettacolo, che debutta domani sera al teatro Brancaccino di Roma fino al 15 dicembre, Lupano e Giammarini sono impegnati in un’inarrestabile corsa che fonde sogno e realtà in una sola dimensione: un’unica grande notte costellata di stelle. Avanti! ne ha parlato con Giorgio Lupano che ricorda l’intensità del testo di Edoardo Erba del 1992 «breve e denso di significato».

Lupano, assieme a Cristian Giammarini siete non solo attori, ma anche direttori e corridori. Sarà stata necessaria una preparazione atletica.

Direi di sì. Nel 2009, anno del debutto della pièce, la prima volta dopo solo otto minuti ci siamo dovuti fermare. E la preparazione è stata di quattro mesi. Ora è sufficiente un mese per correre un’ora intera, la durata dello spettacolo.

La corsa come metafora della vita e dell’esistenza?

Più che la corsa, secondo me è il modo, l’approccio nei confronti del tragitto, ossia della vita. I due personaggi, durante la notte, parlano di tante cose. Edoardo Erba, autore del testo è riuscito a mettere insieme, e con sapienza, elementi diversi tra di loro, mescolandoli in modo equilibrato. Durante lo spettacolo si passa infatti con naturalezza da una risata leggera a un momento di profonda inquietudine.

Uno spettacolo che invita anche a riflettere sulla fuggevolezza della vita.

Assolutamente sì. Il tema della fuggevolezza della vita viene affrontato in modo differente dai due personaggi: il mio prende la vita a calci e a morsi, perché la vuole vivere nel presente, proiettandosi verso il futuro. Il personaggio interpretato da Cristian Giammarini, invece, è più legato al passato ed è pieno di rimpianti.

Il testo di Erba è stato tradotto e messo in scena in molte lingue. Di solito per il teatro contemporaneo italiano si tende ad importare dall’estero. Secondo te dove risiede il successo di questa pièce?

In primo luogo la corsa rappresenta sicuramente un motivo nuovo e accattivante per e nel teatro. L’altro aspetto che rende la pièce “felice” è la mistura degli argomenti trattati sul palcoscenico. E poi il colpo di scena finale che mette anche il pubblico nella condizione di voler rivedere lo spettacolo.

Perché?

Perchè se guardi la pièce una seconda volta rileggi tutto, cogli tutti i riferimenti e gli indizi perchè il testo di Erba, breve e intenso, ne è disseminato.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento