giovedì, 13 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Renzi europeista generico
Pubblicato il 10-12-2013


Come previsto, Renzi ha vinto. Lo sento parlare alla TV più spigliato e spiritoso che mai. Un bel discorso quasi da leader (chissà cosa ne penserà Letta) nel corso del quale tra citazioni americane, ironie e battute varie il neo – segretario del PD traccia quello che può essere definito il suo programma di gestione del Partito.

I Democrat declinazione Renzi si batteranno per: 1) il monocameralismo; 2) l’abolizione delle Province; 3) una serie di interventi sul sociale per aiutare chi è rimasto indietro 4) azioni di economia pura per aiutare i più deboli.

Sin qui il fronte interno, quello italiano, con un programma condivisibilissimo.
Poi, naturalmente, lo sguardo e pure i fendenti del Sindaco gigliato si rivolgono all’Europa.

Chi aspettava dichiarazioni d’amore esplicite per questa o quella famiglia europea è rimasto comunque deluso.

Trincerandosi dietro il generico “riformismo” che in soldoni accontenta tutti – anche l’on. FIORONI – le strali dell’ appena eletto Segretario del PD, sempre più simile ad un esponente di Scientology che ad un politico classico, si sono riversate sugli “eurocrati” cioè i burocrati europei colpevoli di innumerevoli guasti.
Per il momento nessun riferimento al PSE. E pensare che c’è alle porte un Congresso del PSE convocato per Febbraio a Roma …
Chissà forse potremmo usare quella sede per spiegare agli Americani che se la parola socialdemocratico è per ragioni storiche impronunciabile nel Nuovo Continente qui nella nostra Vecchia Europa può esserlo per identici motivi il termine “democratico” DDR (Germania Democratica) docet.

Fabrizio Manetti

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Inutile sperare, il PD come ha ribadito Veltroni , in una intervista su Repubblica di alcuni mesi fà, non è un partito socialista.
    Può essere alleato del PSE, può fare gruppo comune la parlamento Europeo , è necessario il suo apporto alla vittoria del PSE , ma non è ne sarà mai un partito socialista. Chi si aspetta che il PD o parte del PD faccia con noi una lista PSE per le Europee resterà deluso, dobbiamo fare una lista PSE insieme a noi PSI dobbiamo aggregare tutti i pezzi di sociatà italiana politica o meno , che si possono riconoscere in una europa a guidqa PSE.
    Compagno maurizio Molinari fed. di Torino

  2. Il PD e Renzi si collocano alla dx del psi e dei partiti del pse…Inutile illudersi all’uopo……
    Forse col tempo si riuscirà a creare in Italia un PS e un PSCristiano essendo la tradizione socialista umanitaria non marxista, molto importante e nata precedentemente ail socialismo scientifico.

Lascia un commento