giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Renziade
Pubblicato il 16-12-2013


Dirò quello che di Renzi non mi convince, dopo aver detto quello che mi piace. Di lui mi attraggono tre cose. La prima è il coraggio, la tempra del combattente, la capacità di sfidare gli avversari interni e di attrarre consenso anche da parte di quelli esterni. Renzi è il tipico prodotto post ideologico che vuole affermarsi sulle cose da fare e questo è nuovo, questo è positivo. La seconda cosa è quello sfidare le convenzioni, quel ribellarsi ai dogmi del passato, che troppo hanno condizionato in Italia la sinistra ideologica e che noi del vecchio Psi abbiamo per primi messo in discussione. Naturalmente Renzi appare così nelle vesti del nuovo Blair, ma anche di un altro suo predecessore che non intende certo nominare. Le sue ricette sul piano economico, che ricordano molto di piu le intuizioni di Ichino che non i paradigmi di Landini, ne sono esempio eloquente. La terza è di non appartenere alla vecchia nomenclatura comunista e postcomunista. Intendiamoci. Mica è un reato aver fatto parte del Pci. Vi sono dirigenti ex comunisti come Macaluso, e non è il solo, diventati socialisti democratici e nostri amici. Ma è difficile essere credibili nel dirigere un Partito democratico se si è stati parte integrante del cerchio dirigente del vecchio Pci, perché si finisce inevitabilmente per offrire argomenti, sia pur pretestuosi, alla polemica della parte opposta.

Passiamo alle perplessità. La prima e la più evidente è inerente il vezzo di scambiare il mezzo coi fini. Renzi è l’uomo delle primarie. Prima da sindaco poi da premier e adesso da segretario, domani magari ancora da premier. Vive in una sorta di estasi ininterrotta da primarie. Ma le primarie sono solo uno strumento per affermare una leadership. Quel che conta è il dopo. Cioè come si esercita la leadership conquistata. Mi manca naturalmente ancora questo passaggio. E mi preoccupa l’inizio. Che si preannunci, ad esempio, con un “da domani ci divertiamo” l’approccio a una fase drammatica, costellata da decisioni anche impopolari che l’Italia deve assumere, mentre tutt’intorno la miseria si allarga e monta la tensione. Altro che divertimento. La politica non è una giostra. È un dovere civico pesante. Non è fatta solo di sorrisi e di sfide vinte, ma anche di lacrime e di quell’altro ingrediente spesso ricordato acidamente dal nostro Formica.

Poi non condivido il suo rapporto col passato e con la storia. La rottamazione è il termine più violento per inneggiare al rinnovamento. E il suo desiderio di gettare a mare tutto ciò che è successo e vissuto prima di lui, mi pare perfino stupefacente. E così quello circondarsi solo di visini giovani e dolci, di vecchi compagni di scuola e di ragazzi incontrati nel luogo sacro della Leopolda. Quello vivere esteticamente la politica è strano modo di selezionare una classe dirigente. Ancora una volta eletta dal capo. E così a me pare che il partito renziano rischi anch’esso, e per ultimo, di mostrarsi un partito all’incontrario. Dove il leader nomina i dirigenti. Non la base attraverso i congressi. Mi ricorda molto la genesi di un altro partito. Ma forse mi sbaglio…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Mauro, è come con le donne, come con l’estero, ci vogliono le “quote” giovani, su questo Renzi ha super ragione. L’anagrafe fa la differenza, punto. Come si va in pensione a 65 anni anche se si è arzilli come liceali, cosi’ si puo’ entrare in politica a 40 sulla base dell’eta e interesse. il resto lo fanno le capacitä ed il learning by doing. ci vuole un criterio di selezione, e se il merito è troppo soggettivo – mi vien da ridere – usiamo l’anagrafe, almeno non si puo’ barare, Ruby a parte:-)

  2. Caro Direttore, Renzi rappresenta in ogni caso un nuovo inizio per un partito con cui dovremo comunque rapportarci, essendo, piaccia o non piaccia, il più grande della sinistra.
    Il suo grande successo sta nella speranza del cambiamento che porta con sé.
    Dovremmo giudicarlo per ciò che saprà fare e cambiare; ancora è presto ma se parla di ius soli, di unioni civili, di uscita delle banche dall’editoria, di far parte del PSE come inizio non può non piacerci.
    Speriamo non sia solo un fuoco di paglia!

  3. Condivido la prudenza, di Renzi mi spaventa la faciloneria con cui affronta i problemi un primo fatto positivo però glielo riconosco quello di non aver mai citato nella sua relazione il tuttologo Presidente NAPOLITANO.

  4. In questo mondo di forconi e grillini, un personaggio come Renzi ci voleva.
    Speriamo che riesca nel suo intento di arginare la valanga di proteste e populismo.
    Per noi è inportante che mantenga l’impegno di entrare nel P.S.E
    e magari condividere una lista comune alle prossime elezioni europee.

Lascia un commento