domenica, 21 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sotto l’albero dell’Avanti
Pubblicato il 24-12-2013


Nella notte di Natale del 1896 l’Avanti spuntò per la prima volta come una speranza per tutti i lavoratori. Da tempo i socialisti lavoravano per lanciare un loro quotidiano. I primi furono gli adepti di Camillo Prampolini che dal gennaio all’aprile del 1894 pubblicarono il quotidiano socialista “Il punto nero”, così aveva definito Reggio Emilia un esponente del governo Giolitti, in segno di spregio e di preoccupazione. Ma il giornale ebbe vita breve e si scontrò con enormi problemi economici, nonostante l’appoggio del neonato movimento cooperativo, e con le leggi repressive di Francesco Crispi. L’Avanti! che nacque tre anni dopo prese il nome dall’omonimo periodico romagnolo fondato anni prima da Andrea Costa e dal gemello quotidiano tedesco.

Si dice che l’attesa per l’uscita del giornale fosse spasmodica, che già dalle prime ore dell’alba di quel Natale in giro si sentisse ovunque la voce degli strilloni che vociavano il nome del nuovo giornale atteso per anni e che in breve diverrà il più letto. Noi siamo lieti di averlo ripreso, sia pure online, e di proporre ogni Natale la nascita di una nuova iniziativa. La prima che presentiamo è il video sulla storia dell’Avanti! scritto da Ugo Intini che si può scaricare da questa notte, proprio linkando sul nostro Avanti!. Si tratta di una storia raccontata con passione e dovizia di particolari storici, alcuni anche sconosciuti, e con filmati d’epoca, alcuni davvero sorprendenti. Ringraziamo Ugo per averci offerto questa opportunità.

Questa storia dell’Avanti!, che riprende il libro di Intini, così ampio e denso di vicende storiche, rimanda al meglio del nostro passato, del quale tuttora andiamo fieri. La storia dell’Avanti è la storia del Psi e anche la storia dell’Italia del novecento. Altri a Natale si racconteranno le loro rottamazioni, noi possiamo, forse i soli, riflettere sul nostro passato, e quando pensiamo al filone riformista e democratico del nostro socialismo, credo si possa proprio dire che ricordiamo una bella storia. L’unica che ci permetta di mostrarci ancora socialisti con orgoglio sotto l’albero di Natale. Con la storia dell’Avanti!, con l’antico albero dell’Avanti!.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Spero che il quotidiano Avanti possa ritornare cartaceo e diffondere il verbo socialista anche a chi non è avvezzo ad internet. Gazie a Mauro e a tutti quelli che come lui contribuiscono allo sforzo di divulgare questo prestigioso quotidiano dopo le nefaste vicissitudini del recente passato.
    A tutti auguro un sereno Natale ed un proficuo anno nuovo.

  2. Bravo Direttore hai ragione quando parli dei ricordi io rammento la distribuzione alla domenica mattina dell’Avanti ai compagni in bicicletta al proprio domicilio. Buone feste a Tutti.

  3. Un augurio speciale a te Mauro e a tutta la redazione per un felice Natale ed un proficuo anno nuovo, con la speranza che il quotidiano da te diretto possa ancora ritornare cartaceo per raggiungere anche tutti coloro che non sono pratici con il PC e internet. Questi sono i nostri strumenti per divulgare il verbo socialista cercando di illuminare le menti perchè in Italia, a detta di molti anche non socialisti, ritorni un Partito Socialista Riformista per contribuire al governo e dare il proprio contributo al risollevamento delle sorti italiane.

  4. Ottimo il video sulla storia dell’Avanti! Confesso che ho pure versato qualche lacrima durante alcuni passaggi. Ma caro Mauro, ancor più forte mi sale la “rabbia” nel riflettere … che in questa povera Italia, ” del ventennio perduto”, oggi , che i morsi della fame appaiono all’orizzonte, come al tempo dei nostri nonni o bisnonni, non si sente invece il bisogno, come allora, di Socialismo!!

  5. Caro Mauro, ho sempre sostenuto che non si possa essere Socialista senza l’Avanti.
    Dal 1972 al 1985 da giovane segretario di Sezione, ero dedito alla diffusione dell’Avanti della domenica, riuscivo da solo camminando a piedi e in bicicletta a consegnare più di cento copie del nostro prestiggioso giornale.
    L’Avanti era anche portatore di consenso per il nostro Partito.
    Nel 1985 divenni Sindaco di Ortonovo ( Luni ) con l’Avanti sotto il braccio.
    Auguri di Buone Feste e Buon Anno.

Lascia un commento