venerdì, 14 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Tutti a casa?
Pubblicato il 17-12-2013


Questo è il leit motiv della protesta dei cosiddetti forconi. E quel “tutti a casa” non si capisce se si riferisca soltanto ai parlamentari o a tutti i politici o addirittura a tutta la classe dirigente economica, istituzionale, editoriale, giornalistica italiana. Tutti a casa, forse tutti proprio tutti. E più si riesce a mandarne a casa e meglio è, dunque. Eppure pare che la spiegazione dei cosiddetti dirigenti del movimento, per la verità un po’ troppo improvvisati per diventare leader politici, sia innanzitutto rivolto ai parlamentari perché non eletti democraticamente, ma solo nominanti dai vertici dei loro partiti. Questo è vero e la richiesta è sacrosanta.

Ma alla fine questo problema, che è problema di democrazia, di per sé non risolve i drammi sociali denunciati dal movimento. Nel senso che la richiesta del “tutti a casa” rischia di essere trasformata semplicemente in quella di nuove elezioni. E quella di nuove elezioni, visto che non c’è la legge elettorale, nella richiesta di una nuove legge elettorale con le preferenze, subito. Un movimento minimalista, dunque, che chiede più o meno quel che pretende Berlusconi, il quale non a caso flirta con loro. Così però questa grande adunata del “tutti a casa”, porterebbe solo alla elezione e non alla nomina di un nuovo parlamento.

Non è poco. Ma anche loro, che dicono di rappresentare la gente, quanti leader improvvisati parlano a nome della gente, usando una forma retorica che si chiama sineddoche, che è una sorta di malattia logica, dovranno rassegnarsi alla volontà della gente, che è quella che andrà a votare democraticamente e sceglierà i propri rappresentanti. Non delegando più nessuno, ammesso che lo abbia fatto in passato, a parlare a nome proprio. Se è vero che i cosiddetti forconi hanno la gente dalla loro hanno adesso una grande chance. Formino un partito politico e si preparino a presentarlo alle elezioni. Avranno sicuramente la maggioranza. In caso contrario la smettano di parlare con una delega che nessuno gli ha dato.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. E’ vero Direttore,
    nessuno ha dato la delega ai forconi, loro sono bravi nell’approfittare della situazione e la situazione di grande disaggio in cui si trovano milioni di persone, non possiamo far finta che non ci sia.
    Chi è in grado di farsene carico?

  2. Giuste considerazioni, ma questi non si faranno condizionare ora dai furbetti ” romani” al momento opportuno si faranno sentire il problema è che codesti non sono elettoralmente nel quadro del centro sinistra, ma nel quadro del centro destra e del movimento cinque stelle pescheranno nell’astensionismo e per il centro sinistra saranno dolori.

  3. Provo una strana sensazione sul ciclo degli argomenti, delle motivazioni, che la presenza nei luoghi di governo rispetto, diciamo così, ai luoghi di opposizione, si manifestano nel dibattito politico. Se si è all’opposizione diventa tutto cosi semplice, facile, indicare la risoluzione dei problemi. La Gelmini, ieri sera, esponeva le sue posizioni, sui problemi del paese, come se non fosse mai stata per sette anni al governo del paese. Ho la sensazione che non si colga la grave situazione del paese e si usi lo schema, che io utilizzo quando gioco a briscola.

Lascia un commento