martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Una nobile parola che si chiama socialismo…
Pubblicato il 02-12-2013


Un rogo, sette morti, due feriti gravi, tutti cinesi, a Prato, la città più cinese d’Italia dove le imprese tessili abbondano, ma quelle orientali sono in maggioranza. Un rogo, sette morti, due feriti gravi. Eppure si sapeva da tempo in che condizione lavoravano. S’erano svolte inchieste, interviste, trasmissioni televisive che inquadravano il fenomeno dei cinesi ammassati in stanzette di cartone, su materassi con fornelli improvvisati, uno sull’altro, come in un orribile girone dell’Inferno dantesco. Carne umana mercificata, disprezzata, solo usata per produrre di più, per sfondare sul mercato a minor prezzo. Per arricchire vecchi padroni con le brache bianche. Uomini, donne, bambini smunti, che ti guardavano con gli occhi impressionati. Una situazione da fine ottocento. Siamo balzati indietro di più d’un secolo. Il lavoro come sfruttamento umano ritorna qui di prorompente attualità. Come è possibile che nessuno abbia potuto far nulla? E si debba aspettare la morte per svegliare le coscienze? Un rogo, sette morti, due feriti gravi, tutti cinesi. Ma stamattina si riprende. Ancora, per cinquanta centesimi a vestito, senza mai vedere la luce del sole, lavorando per sedici ore al giorno, e poi dormire in reti con bacinelle accanto per orinare e colla per ingabbiare gli scarafaggi e tavole di truciolato per non far passare i topi che spaventano i bambini. Questo in Italia, a Prato. E noi? Che facciamo? Lasciamo che si consumi questo ignobile sfruttamento con i padroni del vapore che viaggiano in Porsche, alloggiano in lussuosi hotel, comprano palazzi del centro? E magari coi nostri imprenditori, gente seria e con buona famiglia, che si servono di questa tragica babele per mandare avanti le loro aziende? Senza farsene eccessivo scrupolo. Le autorità fanno appieno il loro dovere per prevenire, per reprimere l’illegalità, i movimenti politici, i sindacati si sono mossi, si muovono? Che in Italia, nella civilissima Prato, a due passi dal Duomo di Giotto, si consumi questa tragedia ottocentesca, sembra impossibile. Ma questo non ha qualcosa a che fare con una nobile parola che si chiama socialismo?

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Che dire!

    L’unica cosa che mi viene alla mente è la parola SOCIALISMO e questa mi spinge ad impegnarmi ancora di più nella società affinché questa classe dirigente tutta venga distrutta perché ci ha oppresso da venti anni e sostituita da cittadini animati da buon senso e tanta umiltà per affrontare le sfide del futuro.

  2. Quanta ipocrisia! Tutti sanno quel che succede nei capannoni di Prato. Questi poveracci lavorano di notte perché “fuori orario” i controlli non si fanno. Non fermiamoci a Prato. Queste situazioni sono diffuse in tutto il Paese. Sí, socialismo. Sarà un caso che la parola”socialismo” non viene mai pronunciata e mai scritta sui media?

Lascia un commento