martedì, 16 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Abusivismo, Senato approva ddl Falanga
Di Lello: “Una vergogna”
Pubblicato il 22-01-2014


Abusivismo-DiLello«Una cosa vergognosa». Così Marco Di Lello, presidente dei deputati socialisti e a lungo assessore campano all’urbanistica, ha definito il “ddl Falanga” sull’abusivismo edilizio approvato a Palazzo Madama. Una norma criticatissima dagli ambientalisti, Legambiente in prima fila, che la ritiene “una legge furba, che garantisce un argomento in più a chi vuole salvare le case abusive”. «Che chi, come Forza Italia, si è fatto paladino degli abusivisti campani che hanno cementificato in spregio alle regole in un area a fortissima pericolosità sismica vulcanica e idrogeologica, avrebbe provato a pagare il prezzo dello scambio elettorale delle scorse politiche, era purtroppo prevedibile: che lo facciano i senatori del Pd è incomprensibile», ha detto Di Lello commentando il voto del Partito Democratico in merito al ddl che stabilisce i criteri di priorità per le demolizioni degli immobili abusivi, all’ordine del giorno del Senato.

Nello stesso PD si era prodotta una frattura quando il capogruppo Democratico, Luigi Zanda, ha chiesto alla presidente di turno, Linda Lanzillotta, di far slittare il voto finale sulla questione poiché era «emersa la necessità nel Pd di un confronto interno». Di fronte alla richiesta, la presidente ha preso atto del «venir meno di un’intesa informale» sul provvedimento e ha annunciato il rinvio del voto sul provvedimento all’inizio della ripresa della seduta dell’Aula. Nonostante le resistenze, alla fine i democratici si sono decisi ad approvare il provvedimento con 189 “si”, 61″no” e 7 astenuti. Il ddl sarà ora posto al vaglio della Camera.

I dissensi sul provvedimento sarebbero arrivati da pochi senatori appartenenti a diverse aree del partito di Matteo Renzi. La spaccatura sul provvedimento si era determinata a seguito della richiesta di chiarimenti di alcuni senatori, che avevano accolto le obiezioni provenienti dalle associazioni ambientaliste, che ieri avevano messo in guardia sulla possibilità che il ddl si trasformasse in una sorta di condono occulto degli immobili abusivi.

 Nel corso dell’assemblea, in cui sono stati pochi gli interventi, Zanda avrebbe ricordato il lungo lavoro svolto per esaminare il ddl e il voto unanime della commissione Giustizia.

«Dopo anni di impegno contro l’abusivismo proprio nei giorni in cui frane e terremoti evidenziano la fragilità del nostro territorio si approva un condono mascherato» ha aggiunto Di Lello che si è detto letteralmente «basito» di fronte a quanto stava accadendo.

Parole che trovano eco anche in una nota congiunta i senatori di Sinistra Ecologia Libertà, Loredana De Petris, presidente Gruppo misto-SEL e Massimo Cervellini, vicepresidente Commissione Lavori pubblici: «Sembrano già dimenticate frane e alluvioni che hanno devastato il nostro Paese: nel Ddl Falanga, dietro un titolo fuorviante, che mira ad abbattere gli immobili abusivi nella Regione Campania, si cela in realtà l’ennesimo condono edilizio, volto a perpetrare l’abusivismo. Per questo opponiamo il nostro inamovibile no», hanno detto i senatori di SEL.

Secondo gli esponenti vendoliani, infatti, «la proposta contenuta nel provvedimento di un elenco di priorità vincolanti, sottoposte in modo così rigido invece di aiutare un processo di selezione dei manufatti da demolire, diventa un vero e proprio ostacolo per l’azione della magistratura, che, prima di poter intervenire, dovrebbe classificare tutti gli immobili abusivi: un lavoro enorme e farraginoso per ritardare sine die le demolizioni più urgenti e per mascherare quello che si configura come un vero e proprio condono edilizio, l’ennesimo. Non possiamo tollerare l’aleggiante pericolo di una sanatoria: Sel ha sempre manifestato dura opposizione ad ogni proposta di condono nazionale e locale, impegnandosi ad arginare i danni ambientali causati dal selvaggio abusivismo edilizio. Con questo Ddl si continua invece a procedere sulla linea della peggiore tradizione italiana per bloccare ogni iniziativa mirata a tagliare quella speculazione che – hanno concluso De Petris e Cervellini – ha distrutto parte della Campania nelle sue aree più pregiate».

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. ci risiamo, oppongono forte resistenza all’approvazione di un disegno di legge che finalmente mette giustizia agli abbattimenti di case abusive. Questi giustizialisti del cavolo che finora sono riusciti a far abbattere solamente e solamente case di necessita , mentre sono riusciti a mantenere in piedi affari camorristi e grandi lottizzazioni, Voglio ricordare a questi giustizialisti in primis a legambiente e sel e una parte del pd (meno male una parte)che ai primissimi posti il ddl di Falanga ci sono case pericolanti e al rustico, di consegueza è l’inizio di un forte contrasto a eventuali futuri abusi,,,,, chi continua a costruire abusivamente (sopratutto : grandi lottizzazioni speculazioni ecc) sicuramente verra collocato in primis e il magistrato avra l’obbligo di demolire. Ma a SEL e compagni preferiscono che le cose rimangono invariate con la conseguenza che sicuramente vengono colpiti i piu deboli, per non parlare di case comprate con normali atti notarile con forti sacrifici e poi risultate non legittime. Amici giustizialisti le vostre azioni a furore ideologiche dimostrano che non riuscirete mai a raggiungere il 203 per4 cento delle adesioni, Studiate e informatevi del ddl 580 prima di votare e ulare AL LUPO.. AL LUPO—

      • Ho il dovere di precisare che non sono un abusivo e in vita mia (ho quasi 66 anni) non ho mai fatto alcun abuso edilizio (al contrario di certi paladini della lagalita,’,che hanno fatto abusi)i ultimamente per spostare di circa 5cm un muro nella mia cucina , ho presentato scia,, che burocrazia!!!! La mia posizione riguardo al ddl 580 di Falanga è una posizione di giustizia, e mi fa rabbia che finora sono stati abbattuti sopratutto case di povera gente, mi ha fatto molto, molto pena l’abbattimento di una casa abitata in campania di una umile famiglia con figlia malata con gravissimo deficit,di appena 3 anni, a questa famiglia gli è stato inflitto la pena capitale compresa la piccola , Per non parlare di migliai di casi di famiglie che hanno comprato con estremi sacrifici e poi dopo anni e dico dopo anni la magistratura scopre che vi era qualche irregolarita’ e seguestra , mandando intere famiglie nella disperazione piu assoluta,, queste famiglie ripeto hanno comprato immobili con relativa licenza con normali atti notarile. una domanda?: perche’ la magistratura interviene dopo anni, e non al momento della costruzione di questi immobili…. è il caso di Orta di Atella, dove la magistratura interviene sequestrando circa 4000 unita abitative di famiglie comprarono con normale licenza e atti notarile con forti sacrifici, sopratutto giovani coppie proveniente da Napoli dove i prezzi degli immobili sono altissimi. Adesso cosa facciamo li buttiamo giu’!!!!!! Come si vede il problema è molto complesso e stratificato e impone una soluzione politica molto equilibrata, anche perche ‘la colpa è sopratutto della vecchia classe politica che non hanno affrontato e risolto ila problematica dellè’abusivismo edilizio, anzi lo fecero diventare, un voto di scambio peri i partiti politici dalla dc ai partiti di sinistra, basta ricordare che durante la giunta Valenza a Napoli si ebbero il maggior numero di abusi sia di necessita’ che speculativi, Quindi a loro il dovere politico di risolvere con pacatezza e non a furore ideologico . Credo che l’approvazione del ddl 580 Di Falanga è un primo passo ,,,,, ma come gia’ scritto evidentemente aVendola al m5s a quella parte del PD legambiente non interessa ,, vogliono che tutto rimane tale e quale con la conseguenza che sicuramente vengono colpiti le persone piu ‘deboli come finora., ma grazie al ddl di Falanga la politica sta prendendo il suo ruolo.e incomincia a risolvere e decidere,

  2. Abbattimenti più’ facili? Uguaglianza innanzi la legge? Ma ci siete o ci fate?
    I senatori di FI non nascondono la loro soddisfazione per aver mantenuto la promessa fatta agli abusivisti in campagna elettorale ma dire, come fanno altri,  che “con il provvedimento di ieri e’ più’ facile abbattere” e sopratutto “che e’ stato fatto un gesto di uguaglianza” significa prendere in giro i cittadini. Più’ facile abbattere cosa: le tettoie o i pollai? Uguaglianza in che senso? Totale impunita’? Tana liberi tutti?
    Chiunque minimanente esperto di abusivismo sa che la norma approvata ieri in senato e’ in se’ criminogena, cioe’ indice a delinquere con la certezza dell’impunita! Perche’? Ora ve lo spiego: in Campania ci sono 70mila ordini di abbattimento pendenti, circa 200mila procedimenti in corso e ogni anno circa 5000 violazioni edilizia. Gli abbattimenti eseguiti viaggiano a meno di 100 l’anno. Con la legge varata ieri chi costruisce e poi abita una casa abusiva, ipotesi di cui alla lettera m della legge, sa che prima di abbatterla le procure/prefetture dovranno abbatterne almeno altre 70mila: cioe’ per i prossimi 700 anni possono dormire sonni tranquilli. Complimenti ai senatori, ma al danno almeno evitateci lo sfotto’!

    • Salve sig.Di Lello mi permette di farle una domanda?ma lei conosce sul serio il vero dramma che stiamo vivendo con gli abbattimenti?Allora la prego….da madre,da donna io che ho sacrificato una vita intera per costruire un tetto sotto cui dormire,la casa è un diritto che lo sancisce la costituzione e non si tocca.Noi non difendiamo le speculazioni,anzi,non difendiamo gli abusi di necessità ma soprattutto i più deboli.Si informi ad oggi le procure cosa hanno abbattuto?Le posso assicurare che si perde la casa ma anche la dignità.Allora le dico siamo abusivi, si, ma costretti ad esserlo,soprattutto in paesi dove per oltre 50 anni non vige un piano regolatore.E poi…che altra umilizione dobbiamo ancora subire???Ci accusano di essere evasori di non pagare acqua,luce e gas io inviterei questi grandi paladini della giustizia a dare un’occhiata alla nostra regolarità nel pagare le bollette,alla nostra dichiarazione catastale ecc…Ma lei sig,Di Lello è meridionale….io nonostante tutto si e fiera di esserlo.Con stima.

  3. Le innumerevoli abitazioni abusive in Campania non verranno più abbbattute grazie ad un dispositivo approvato in Senato. Ecco il condono totale e tombale sulle abitazioni abusive costruite in Campania contro ogni normativa edilizia e di sicurezza sismica, strutturale e di prevenzione geologica ed osservanza geografica. Dopo lo svuota-carceri e l’attesa per l’annunciato nuovo indulto o peggio, della nuova amnistia, il governo della casta politica più mafiosa e corrotta della OCSE afferma ancora una volta il principio arbitrario della illegalità diffusa che diviene legalità, al solo fine di non punire i criminali, i delinquenti, i mafiosi ed i corrotti che hanno consentito la costruzione di edifici pericolosi e illegali. Se questi edifici dovessero cadere per effetto di un sisma, questa banda di criminali otterrebbe così anche la dichiarazione di stato di calamità ed i contributi e gli aiuti statali per edifici costruiti in violazione della normativa antisismica. Medesima aberrazione avverrebbe in caso di danni ai suddetti edifici dovuti a dissesto idrogeologico. Si ricorda che nel solo comune di Napoli 7 abitazioni su 10 sono illegali e sconosciute al fisco, oltre che costruite senza alcuna autorizzazione ed osservanza alle vigenti norme. Ennesima prova che il sistema dello stato italiano è profondamente corrotto e mafioso, che detto sistema tuteli e difenda in modo esclusivo criminali, delinquenti, mafiosi e corrotti. E voi, tutti voi che osservate la legge, siete dei ***. Firmato repubblica democratica delle mafie e della corruzione italiana. Massa di idioti encefaloprivi e avioprivi che va ancora a votare per questi *** ***, per questi *** ***.

  4. Egregio SG DI lello, attacca in modo feroce l’approvazione ddl di Falanga addirittura lo dichiara criminoso.::MA:::::La sua puntualizzazione riguardo alla problematica dell’abusivismo non convince per niente, infatti ci gira attorno e non da soluzione, lei stesso afferma che ci sono circa 70000 case da demolire(io dico che arrivano a quota 250000 )e aggiungo cio’ che lei non dice , forse per opportunita’ e cioè, alla somma dei 70000 aggiunge, famiglie che hanno comprato da imprese immobili con normale licenze ,e atti notarili in regola, poi dopo anni e anni,contestate dalla magistratura per diverse interpetrazione delle legge dei condono o altro, le imprese venditrici si sono messe in sicurezza lasciando nei guai i compratori ,questi ora sono abusivi, pur non avendo fatto nessun abuso,è il caso di Orta di Atella dove la magistratura ha sequestrato circa 5000 unita abitative dopo circa 13 anni dalla loro costruzione e dopo averle fatte vendere tutte.RIPETO DOPO CIRCA 13 ANNI NOn voglio ripetere l’analisi delle colpe di chi ci ha portato a questa situazione ma mi lasci affermare che questo è un problema serio, maledettamente serio, sono messi in discussione “beni comuni”di grandissimo valore, quale il paesaggio,la vivibilita’ delle citta’ ,la vita delle persone(mi riferisco a quanti risiedono in immobili edificati in zone a grave rischio esondazioni)la tenuta della vita civile e la sicurezza dei cittadini. Non è affatto un mistero che la delinquenza organizzata ha conquistato il controllo di fette importanti del territorio tramite la gestione del ciclo del cemento illegale. Né puo’ esserci tenuta sociale se migliaia di persone vivono in una condizione di ricattabilita’, di timore di perdere la propria residenza ; se , pur di costruirsi un tetto, hanno rinunciato ai propri diritti per entrare in una vischiosa rete di protezione e di corruzione .Il problema è enorme, maledettamente enorme, ineludibile per qualsiasi forza politica si proponga di governare il nostro paese. Ma non puo ‘essere affrontato, né eluso,con furore ideologico.Ricordiamo i dati nella sola Campania circa 70000 case con ordine di abbattimento definitivo, migliaie di cause pendenteal TAR,interi edifici sequestrati comprate da persone con duri sacrifici ecc,,, cifre inpressionanti, interessati milioni di persone.UNA DOMANDA CHE PONGO AL DI LELLO:c’E QUALCUNO CHE REALISTICAMENTE PUO ABBATTERE QUESTA ENTITA DI CASE? Cioe” ABBATTERE UNA DIMENSIONE COME DUE FIRENZE: A PARTE I COSTI MOSTRUOSI , BISOGNA CONSIDERARE EVENTUALE GUERRIGLIA O ADIRITTURA FOCOLAI DI GUERRA CIVILE DATO L’ALTO NUMERO DI PERSONE COINVOLTE. Voglio ricordare al sg LELLO, PER ABBATTERE LA CASA DI NECESSITA BACOLI CON una figlia MALATA, CI SONO VOLUTI CIRCA 1500 AGENTI IN TENUTA ANTISOMMOSSA , AGENDO DI NOTTE COME VAMPIRI,Quindi è di palmare evidenza che lo stato italiano in tutte le sue articolazioni , non ha la forza per affrontare questo problema con azioni concentrate nel tempo.Se poi si continua sulla strada degli abbattimenti a caso e indiscriminati soprattutto delle case di necessita’ e della povera gente, come purtroppo fatto finora (vedi gli elenchi di tutti gli abbattimentifatto in Campania) FACCIAMO CONCORRENZA AI NAZISTI, e questo per uno stato democratico non è possibile. FATTO QUESTO PANORAMA, se non si vuole fare mera propaganda dunque e riempirsi la bocca di espressioni tanto truculente quanto inconsistenti ,la questione dannata dell’abusivismo VISTO LE DIMENSIONI RAGGIUNTE PER MOLTISSIME COLPE DI DIVERSI ATTORI, ( ABUSIVI,SINDACI,MAGISTRATURA,ORGANI ADETTI AL CONTROLLO,VIGILI URBANI,POLIZIA ECC)QUESTA QUESTIONE DANNATA DELL’ABUSIVISMO VA RISOLTA CON L’INIZIATIVA POLITICA E LEGISLATIVA, PRECISANDO CHE VA RISOLTA NEL SENSO CHE VA CHIUSA IN MODO TALE CHE ESSA NON POSSA PIU RIPRESENTARSI IN FUTURO.. come? con un condono , a me la parola non dispiace, il concetto puo essere quello MA MA MA, visto l’esperienza dei condoni precedenti, non parliamo dunque di un quarto condono , ma di una normativa volta pero’ a chiudere in modo definitivo la questione abusi cioè saniamo tutto cio’ che si puo sanare escludendo in modo serio cio che è grave ( tutto quello legato alla criminalita’ organizzata,edificazionwe in zone ad altissimo idrogeologicoecc) eliminare l’enorme mole di arretrati delle pratiche di condono inoltrate, chiudere al più presto tutti i contenziosi al tar ecc. In poche parole liberare in modo serio tutto il vecchio con ponderatezza in modo da liberare energie per contrastare in modo serio e velocissimo eventuali futuri abusi.Una volta chiuso il vecchio si emanino norme di legge in tempo strettissimo in modo che il problema non si puo’ ripresentare ne in modo blando ne gigantesco-le proposte a tal senso possono essere centinaie. per esempio: approvazione in modo rapido dei puc ,controllo aerospaziale del territorio confisca totale e permanente per qualsiasi futuro abuso,punizioni esemplari per i funzionari che non applicano le norme cosi pure ai comuni, abbattimenti o confisca di immobili abusive entro 14gg, corsi di educazione e sensibilizzazionwe su questo tema,Aggiungo , questo problema finora non risolto ,ma affrontato in modo errato o a furore ideologico e a volte in modo ingiusto, sta creando una forte emergenza sociale , addirittura ha messo in discussione quella credibilita’ e lotta alla camorra che negli ultimi tempi ,lo stato aveva guadagnato ( vedi le dichiarazioni esplosive del segretario del PDdi Caserta ,inerente all’abbattimento della casa di necessita’ dell’operaio malato di Casal di Principe)DICHIARAZIONEesplosiva, ma veritiera questo dimostra che finora il risultato è devastante su tutti i punti di vista,, aggravando ancor di più per il fatto che sono stati abbattuti soprattutto case di necessita’ e mantenuti in piedi affari camorristici e lottizzazioni selvaggi, condonati ad arte intere struttura come per esempio LE TERRAZZE DEL PRESIDENTE A ROMA .Credo e dico al sg DI LELLO CIO CHE HO SCRITTO PUOì ESSERE UN MODO PER AFFRONTARE QUESTO DANNATO PROBLEMA E AGGIUNGO CHE IL DDL 580 A FIRMA FALANGA è UN PRIMO PASSO PER ANDARE VERSO QUESTA DIREZIONE,sE LEI NON è D’ACCORDO, puo DESCRIVERMI A ME AI LETTORI LE PROPOSTE RISOLUTIVE PER RISOLVERE LA PROBLEMATICA,,,…………SE INVECE RIMANE SULL’IDEA GIUSTIZIALISTA NO COMMENT— PERO’ ABBI ALMENO IL CORAGGIO DI PROPORRE LìABBATTIMENTO PER CHI HA FATTO L’ABUSO , E UNA FORTE PUNIZIONE A TUTTI GLI ATTORI CHE NON HANNO CONTROLLATO E ESEGUITO LE SENTENZE IN TEMPO REALE,,, IN QUESTO MODO LA GIUSTIZIA SARA LINEARE,,, HA QUESTO CORAGGIO? MI DICA……… ASPETTO VOSTRA RISPOSTA, la saluto ripetendo ancora una volta che non sono un abusivo, ti ringrazio

      • Egregio Di Lello, hai governato per anni con cariche di responsabilita’ la regione campania, e direttamente o indirettamente hai contribuito allo sfascio di questa regione martoriata, Mi sono sforzato a sintetizzare le mie impressioni sul problema dell’abusivismo, respingendo con forza e fermezza qualsiasi forma di giustiziallismo VISCERALE Sono convinto che l’unica strada per risolvere questo dannato problema è quello politico. Non sono un abusivo e non ho mai fatto alcun abuso INTENDIAMOCI!!!!! Ripeto per l’ennesima volta : sono coinvolte milioni di personee finora l’unico risultato ottenuto è l’abbattimento sopratutto di case di povera gente, al contrario di cio che dichiarano esponenti di sel, verdi e socialisti, Io come cittadino ho scritto le mie considerazioni e le mie proposte per la risoluzione della problematica,,, LEI , DOPO IL GRIDO GIUSTIZIALISTA , NON RISPONDE E NON PROPONE. COMUNQUE LA RINGRAZIO LO STESSO chi tace!!!!!!!!!!!!!!!!!!

        • Eppure questo Di Lello continua a non rispondere. Pero’ ogni volta che si prospetta soluzioni per la risoluzione di questo dannato problema mette i8n atto uil suo urlo GIUSTIZIALISTA, non ultimo quando è stato messo la fiducia a Caldoro .

  5. sempre e sempre giustizialisti a senso unico
    giustiziare senza pieta’ tutti coloro che hanno contribuito al dilagare dell’abusivismo , sono loro i veri responsabili
    per esempio tutti coloro che per anni e anni non hanno fatto il loro dovere e oggi diventati wsceriffi della legalita’ esempio una gran parte del pd,, in t5esta realacci, magistrati, sindaci,polizia,vigili,politici,ambientalisti senza cervello ecc,.
    oggi vogliono tutte le case costruote abusivamente nella sola campania siamo a quota 150000-250ooo sono PAZZI……
    IL DDL FALANGA METTE GIUSTIZIA …. E SOLO QUESTIONE DI GIUSTIZIA……… L’AMBIENTALISMO ESTREMISTA GIOVA LE ECOMAFIE E POTENTATI….

  6. evidentemente sta spendendo tutti i quattrinoti presi dalla pubblica amministrazione in qualita’ di amministratore politico
    visto l’altissimo stipendio che percepisce (alla barba di chi ha costruito abusivamente per necessita’, e chi si trova nei guai per aver comprato in buonissima fede una casa abusiva condonata e poi dopo molto tempo si scopre che la licenza era non leggittima,per lui anche queste case devono andare giu) stipendio da capogiro,,,, per4 molto tempo non lo…….

Lascia un commento