martedì, 21 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Doppio attacco alle colombe dopo l’Angelus
Pubblicato il 29-01-2014


Colomba-Angelus-corvo-PapaDi solito le colombe bianche liberate dalla finestra del palazzo Apostolico o non avevano alcuna intenzione di volare oppure tornavano indietro nelle stanze papali. Domenica scorsa, invece, durante l’Angelus di Papa Francesco, appena liberati da due bambini dell’Azione cattolica, i due pennuti sono stati vittime di un duplice attacco da parte di un corvo e di un gabbiano. Il primo non è riuscito a soddisfare la sua fame, l’uccello marino ha invece massacrato l’altra colomba. Una scena parecchio brutale per un momento di raccoglimento come l’Angelus del Pontefice,  forse destinata a ripetersi considerata la colonizzazione della città di Roma da parte dei gabbiani reali che, da predatori, tendono ad attaccare piccoli volatili come passerotti e rondini.

L’INVASIONE DI GABBIANI REALI A ROMA – Negli ultimi dieci anni, il numero dei gabbiani reali è cresciuto: secondo i dati della Lega italiana per la protezione degli uccelli (Lipu) oggi sono 40 mila, “20 mila coppie ” secondo i criteri di censimento tipici degli ornitologi. Il motivo risiede nel fatto che “la città offre cibo in abbondanza: il Tevere, i rifiuti e gli scarti alimentari, le prede. Il gabbiano è un uccello opportunista, ed è dunque più facile procurarsi da mangiare qui che andare a pescare in mare” ha spiegato Francesca Manzia, responsabile del centro Lipu per il recupero della fauna della Capitale.

Siria Garneri

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento