domenica, 20 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il casco di Hollande
Pubblicato il 13-01-2014


Non gli è servito a niente. È stato riconosciuto, dicono, in base ai calzini. Ma un presidente come Hollande può ridursi a portare calzini a strisce? Diciamola tutta. Che oggi non esista la privacy è arcinoto. Siamo nell’epoca di Internet e di Assange. Non in quella di Kennedy che consumava con attrici e anche spie nel silenzio assoluto. Non siamo neppure nell’epoca di Mitterand che poteva godersi due mogli con figli suoi. È vero, ma siamo anche nell’epoca della più assoluta mancanza di protezione della classe politica. Un tempo dicono che a un presidente della Repubblica italiana offrissero le donnine. Coi corazzieri complici. D’altronde il sesso ha sempre avuto parte di rilievo nella politica, a cominciare dall’antica Roma ai tempi di Cleopatra. Perché continuare a scandalizzarsi? Diciamo la verità, rispetto ai problemi dell’odierna società il sesso non conta proprio un casco…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento