venerdì, 17 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il ritoccum
Pubblicato il 30-01-2014


Nuovo accordo Renzi-Berlusconi sulla legge elettorale e due a due finale. Renzi incassa il sì di Berlusconi all’innalzamento dell’asticella del premio di maggioranza che passa dal 35 al 37 per cento e la diminuzione dello sbarramento delle liste dal 5 al 4,5 per cento, assai gradita soprattuto al Nuovo centro-destra. Berlusconi incassa il salva Lega (si entra in Parlamento col 9 per cento superato in tre regioni) e la pluralità delle candidature, cioè Berlusconi candidato in più collegi.

Resta il tema delle preferenze. Una parte del Pd pare intenzionata su questo a proporre un emendamento. Se così sarà, e se Nuovo centrodestra, Sel, Grillini e altri lo voteranno, rischia di passare. A quel punto cosa farà Berlusconi? Manderà all’aria la legge? È possibile che anche su questo argomento si tenti il ritocco. Esiste l’ipotesi Violante. I capilista bloccati. Gli altri eletti con una sola preferenza. Berlusconi potrebbe accettarla?

Non gridiamo alla scandalo. Soprattuto, ha ragione su questo Casini, non gridino alla scandalo per ragioni di mera sopravvivenza i piccoli partiti. L’Italia ha bisogno di un sistema diverso. Resta il fatto che personalmente ho seri dubbi che questa legge lo produrrà. In nessun paese al mondo, nemmeno in Inghilterra, si impone per legge il bipartitismo. Tanto che anche in Inghilterra il sistema non impedisce governi di coalizione. Come quello formato recentemente tra conservatori e liberali, che si sono pur presentati distinti alle elezioni. In Francia c’è il doppio turno, ma di collegio, e non si vietano per legge, in un sistema peraltro presidenziale, né una coabitazione di maggioranze diverse, come è più volte accaduto, né governi di coalizione. In Germania, con la legge proporzionale, è ormai quasi una necessità governare tutti insieme. Solo l’Italicum impone o la vittoria col 37 per cento o il ballottaggio tra due se nessuno lo ha raggiunto. Ma che razza di logica è? Che razza di rispetto c’è per la volontà popolare?

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro direttore, condivido le tue preoccupazioni,io personalmente
    l’ho detto più di una volta sono per il doppio turno alla francese.
    Visto che nessuno lo propone, è inevitabile che i grandi partiti impongono soluzioni a loro favore.
    Smettiamola di piangere sugli sbarramenti,per noi sarebbe troppo alto anche al 2% .
    Dobbiamo far crescere il nostro P. I. L.

  2. Ho avuto modo di scrivere che quando c’é il premio di maggioranza non é concepibile una soglia di sbarramento. Lo sbarramento va bene solo senza premio. Mi meraviglio che il PSI non faccia nulla. Accetta passivamente la morte del partito per legge. Abbiamo fatto il congresso a Venezia, avremmo dovuto fare il funerale! No, non é concepibile un’accettazione passiva di questa legge.

Lascia un commento