sabato, 20 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La première femmena
Pubblicato il 28-01-2014


Non pensavo davvero che la fidanzata di Berlusconi, la bella e giovane Pascale, si fosse trasformata in una sorta di première dame. Anzi che il suo potere si fosse talmente dilatato nell’Eliseo berlusconiano da estendersi dal prezzo dei fagioli alla legge elettorale. Pare proprio che sia così. Parla di Alfano e lo paragona a Fini, si oppone al rientro della De Girolamo, assieme alla Carfagna, benedice l’accordo del suo Silvio con Matteo, attende l’avvio di Toti. Non so cosa ne pensi delle preferenze. Ma credo di supporlo. Se, come prevedo, si accinge anche a entrare in Parlamento col consenso di Dudù, credo di conoscere il suo parere. A Napoli attendono l’inizio dell’era della priemière femmena…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Purtroppo siamo davvero alla frutta…scusate…ai fagioli! Battiamoci per una legge elettorale democratica, degna di questo Paese, altro che Italicum! Altrimenti, non ci resta che scappare all’estero.

Lascia un commento