martedì, 25 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scusi, ma lei ce l’ha la Job act?
Pubblicato il 09-01-2014


In epoca di Tobin tax e di Fiscal compact, poteva mancare la Job act? Dire Piano del lavoro era troppo semplice. Siamo nel dopo Leopolda, siamo nell’epoca del “dire, fare, baciare, lettere e testamento”. Così nasce la Job act, cioè una serie di misure che il segretario del Pd ha messo in cantiere per risolvere la questione del lavoro in Italia. Andatelo voi a raccontare in giro ai disoccupati e ai giovani che il lavoro non riescono neppure a intravederlo, andate loro a dire che adesso arriva la Job act. Non fate confusione però. Non è una presa in giro. Non c’è scritto Job-Condor….

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Le americanate fanno sempre presa e gli inglesismi vanno sempre di moda in Italia. Io non ho studiato (purtroppo), ma credo che la nostra sia una bella lingua e comunque non ha bisogno di queste traduzioni; non dico di chiamare “calcolatore” un computer… ma jobs act mi sembra troppo…se lo immagina, direttore, “pane e job”… dove arriveremo?

Lascia un commento