sabato, 20 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

“Un matrimonio”, un amore lungo mezzo secolo
Pubblicato il 21-01-2014


Un-matrimonio-Pupi-AvatiChiarito prontamente il fraintendimento di ieri, si conferma il consistente successo riscosso presso il pubblico della fiction Rai “Un matrimonio” diretto dal regista Pupi Avati e trasmesso in sei puntate. Il «film di 600 minuti» – come lo ha definito il maestro bolognese – racconta la storia d’amore fra Francesca e Carlo Dagnini dal primo incontro, avvenuto nel 1948 al 2005, anno delle nozze d’oro dei protagonisti che hanno il volto di Micaela Ramazzotti e Flavio Parenti. Una storia che celebra oltre mezzo secolo di un grande amore capace di superare qualsiasi tempesta.

Avati, perché ha deciso di dare spazio al rapporto tra Psi e il caso Aldo Moro?

L’ho rammentato perché rimasi colpito dall’iniziativa umanitaria del quotidiano Avanti! (il cui direttore era il segretario socialista Bettino Craxi con Ugo Intini, giovane direttore responsabile) – sostenuta dal Psi – nei confronti della trattativa tesa a salvare una vita umana. Mi parve un atteggiamento coraggioso e condivisibile. Gli altri grandi partiti erano invece orientati sulla linea della fermezza, e il giovane giornalista che rappresento nella fiction televisiva era convinto che questo preludesse la fine del presidente della democrazia cristiana.

E così accadde.

Il giornalista, in seguito all’uccisione di Aldo Moro, decide di abbandonare il mondo del giornalismo, e parte da volontario con un’associazione no-profit in aiuto dei bambini bisognosi in Brasile.

Perchè trattare un tema delicato come quello degli anni di piombo?

Non potevo ometterlo. “Un matrimonio” è la storia di una famiglia che racconta la storia di Italia dal boom economico al referendum sul divorzio, passando per l’avvento della tv, il rapimento di Aldo Moro e la strage di Bologna.

Siria Garneri 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento