martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sanremo, un flop
in attesa di miracolo
Pubblicato il 20-02-2014


Fabio_Fazio_Luciana_LitizzettoIeri è andata in scena la seconda serata del Festival di Sanremo; gli ascolti, come è noto, sono stati piuttosto negativi, si parla di flop: 7.700.000 spettatori e del 33,95%, in forte calo rispetto all’edizione dell’anno precedente, sempre condotta dal tandem Fazio-Litizzetto. Ci si chiede il perché di questo crollo e della disaffezione (che gli addetti ai lavori confidano momentanea): la risposta può essere ricercata nella prima puntata (dove l’audience aveva abbastanza retto, nonostante i due milioni di telespettatori in meno). La prima serata è stata senza ombra di dubbio una delle più brutte della storia del Festival; trashate continue, zozzerie, parolacce, pistolotti senza capo né coda, ospitate inutili (vedi quella della Casta), ritmi lentissimi. Un’apoteosi del trash, con Fazio e Littizzetto l’ombra di loro stessi, anzi quasi l’antitesi di quello che i due sanno fare. La seconda serata ha visto un cambio radicale di rotta, con i conduttori che si sono allineati al loro consueto standard qualitativo. Il ritmo è stato senz’altro più incalzante, il susseguirsi delle canzoni senza perdersi in inutili discorsi fuori luogo. E canzoni che rispetto alla prima serata sono risultate un po’ migliori (anche se nessuna è indimenticabile). Purtroppo però ciò che conta è l’inizio (come dice il proverbio, chi ben inizia è a metà dell’opera), e l’inizio come detto è stato a dir poco sconcertante. La gente ha ancora negli occhi lo spettacolo orripilante di lunedì, e convincere i fuggitivi a tornare sui loro passi sarà impresa assai ardua per gli autori, che dovranno giocarsi assai bene le carte dei super-ospiti e magari assestare qualche colpo a sorpresa dell’ultimo minuto per catturare l’attenzione degli spettatori e far crescere l’audience, fin qui deficitario. L’impresa è assai ardua, ma non impossibile. Buona continuazione di Festival a tutti.
Luca Marsi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento