venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

D’Arenzi?
Pubblicato il 08-02-2014


Ci vorrebbe un matto ad accettare la proposta che gli viene maliziosamente avanzata dai suoi avversari, e cioè di succedere subito a Letta alla presidenza del Consiglio. Renzi non può fare l’errore di D’Alema. Succedere oggi a Letta è troppo rischioso per chi ha fatto del fattore “novità” il suo cavallo di battaglia. Non c’è niente di più degradabile della presidenza del Consiglio e presentarsi alle elezioni dopo un anno o due di guida del governo può essere parecchio sconveniente. Oggi il potere logora chi ce l’ha, caro vecchio Giulio. Basta dare un’occhiata al passato. Se togliamo Berlusconi che dovrebbe essere il più logorato, oltre che decaduto, e che invece continua misteriosamente a reggere, chi si ricorda di Dini, di Prodi, appunto di D’Alema, di Amato, di Monti? E di quanto è calata oggi la popolarità di Letta rispetto a qualche tempo fa?

Renzi sostiene giustamente che il tempo breve è a suo vantaggio e quello più lungo a vantaggio del Paese. Pare che il leader del Pd abbia scelto questo secondo. Anche perché di andare alle elezioni subito, o in ottobre mentre Letta presiede l’Europa, e l’Italia è alla prese con una lenta ripresa, stimata da Visco allo 0,75 nell’anno in corso, non conviene davvero agli italiani. Poi perché è tutto interesse di Renzi e del Pd portare a casa questa legge elettorale, che inizia adesso un percorso davvero ad ostacoli

Tra l’altro prenderà tra poco il via il congresso del Partito socialista europeo a Roma e in quella sede il Pd dovrebbe chiedere l’iscrizione al socialismo europeo. Certo è paradossale che il Pd sia nato coi Diesse che sono usciti da questo organismo su richiesta della Margherita, mentre adesso il partito vi rientra per merito di un esponente che proviene dalla stessa Margherita. Meglio così per chi socialista italiano ed europeo è sempre stato. Il problema del “che fare”, se si scollina febbraio, sarà probabilmente condizionato dal risultato delle elezioni europee. Diciamo la verità, votare per il tedesco Schultz, che fa parte di un partito, l’Spd, oggi al governo con la signora Merkel, non sarà semplice. Tanto poco semplice che pare più popolare, a sinistra, puntare sul leader di Siryza Tsipras, venuto in questi giorni in Italia a lodare la nostra sinistra, tra non poche ilarità degli italiani di sinistra presenti. Il giovane leader greco ha precisato che intendeva la sinistra di Togliatti e Berlinguer. Che però aveva un nome, e cioè Pci. Non sarà davvero nemmeno semplice, dunque, votare uno che si sente comunista per chi sostiene, come Vendola, di non esserlo più. Renzi tenga duro, allora. La sua legge elettorale è quanto di peggio si possa immaginare. Ma per lui meglio il BR che il D’Arenzi. Non foss’altro per la ancor vitale sopravvivenza del decaduto…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Mi sembra un buon consiglio per Renzi, il tuo direttore.
    Ormai è evidente che dobbiamo aspettare l’epilogo del Congresso del P.S.E. a fine mese, per conoscere il posizionamento de P.d.
    Quello di S.E.L. già avvenuto.
    Per noi la scelta è chiara, dobbiamo impegnarci ad ogni livello, per avere dei buoni risultati alle elezioni Europee.

  2. Molto saggio il commento, esiste per Renzi una strada obbligata per arrivare a Palazzo Ghigi, le primarie e le elezioni politiche ma che con questa proposta di nuova legge elettorale, il centrosinistra non ha spazi di manovra mentre il centro destra ha una platea enorme di recupero voti, quindi solo se il PD supererà lo sbarramento della legge potrà accedervi altrimenti resterà segreterio del PD:

  3. OK.
    Ma chi gliel’ha fatto fare a Renzi di “rompere le balle” a Letta dal giorno che è diventato segretario del PD?
    Renzi si è certamente confuso. Vuole cambiare la legge elettorale ed eliminare il Senato. Va bene; ma allora mentre si fa la legge elettorale (magari senza un accordo di ferro col Berlusca) si sostiene Letta e si pongono nuovi obiettivi per l’azione del governo, così da giungere in buono stato alle prossime elezioni.
    Insomma, se Letta se ne va, come esce Renzi dalla palude di una maggioranza col NCD o dalla crisi senza nuova legge elettorale?
    Forse un po’ più d’acume non guasterebbe.

  4. sei sempre bravo e piacevole e allora se non votiamo Scultz,che con la Merkel ha già detto che la germania è stanca di dover sostenere i paesi del sud europa, quindi anche l’Italia,se non possiamo votare il leader greco perchè comunista vero, visto che il pd dovrà decidere di entrare nel PSE, perchè non candidare un vero socialista italiano ?

Lascia un commento