mercoledì, 23 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Governino
Pubblicato il 21-02-2014


Nasce il governo Renzi, dopo un parto lungo tre ore al Quirinale. Mai nessun primo ministro era stato trattenuto tanto dal presidente della Repubblica. D’altronde che Napolitano possa non essere stato pienamente soddisfatto dai nomi proposti da Renzi è comprensibile. Prendiamo la sostituzione a sorpresa della Bonino con la Mogherini. Stiamo parlando del ministero degli Esteri, non di quello della semplificazione. Non si conoscono i motivi del siluramento della Bonino. Forse l’età che è divenuta una discriminante politica. Eppure c’è l’ultrasessantenne Padoan, c’è l’attempato Poletti, da non ricordo quanti anni presidente della Lega delle cooperative. Forse si tratta semplicemente di una sostituzione politica.

La Bonino non rappresentava alcuna forza politica parlamentare. Dunque la sua casella è stata delegata al primo partito, il Pd, che l’ha occupata con la Mogherini, giovane deputata con una sola legislatura alle spalle. C’è Andrea Orlando alla Giustizia, ex ministro dell’Ambiente. E qui può essere che Napolitano ci abbia messo del suo nel bocciare un magistrato. Intromissione positiva. Poi la ragazza inventata da Veltroni, la Madia, che arriva al governo provenendo dal mondo dei sogni. Davvero dolce e carina, ma non so cos’altro. Certo sono stati eliminati i tecnici, ma due nuovi entrano, e cioè Padoan che occupa la poltrona più importante, quella dell’economia, e Federica Guidi, che va allo Sviluppo, figlia del rigoroso esponente di Confindustria e fino a poco fa vicino a Berlusconi.

Sul piano della lottizzazione politica diciamo che hanno tenuto bene gli alfaniani, che hanno avuto un ministero a testa i montiani e i casiniani. Il primo giudizio è quello di un governo debole. Vorremmo sbagliarci e cambiare opinione. Non pretendiamo competenza dai ministri. Quelli troppo competenti, e tecnicamente dotati, hanno fallito. Ma partire dal nulla mi pare un po’ eccessivo. Per adesso sospendiamo il giudizio anche per quanto riguarda la presenza del Psi. Nencini ha rimarcato la sua totale estraneità alla conclusione della trattativa sul programma e sull’organigramma. Avevano probabilmente cose più importanti da fare. Nominare questi ministri. Domani è un altro giorno. Dobbiamo augurarci che il governo governi bene. L’Italia ne ha bisogno. Gli facciamo gli auguri più sinceri. Per ora solo quelli…

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Per fortuna che non ci sono socialisti in questo governo, così avremo più tempo da deicare alla costruzione di un partito laburista democratico Italiano…………….ne hanno e ne abbiamo bisogno in tanti e ne ha bisogno lItalia, vedo poche alre alternative…………….vai Nencini deciso, molto deciso.

  2. Caro Mauro io mi spingerei piú in lá ed oltre agli auguri farei sapere che il PSI va all’ opposizione. Morti per morti meglio morire con la bandiera in mano. Abbiamo vivacchiato per molti anni adesso la discontinuitá la deve rPpresentare proprio il Partito con la P maiuscola. So che tu ti spingeresti oltre ma con una dirigenza balbettante forse non si può fare si piú. Hanno fatto fuori anche la Bonino che aveva rappresentato, almeno per un certo scopo! la nostr bandiera. Noi militanti di base ci domandiamo per chi è per che cosa dobbiamo dare la nostra militanza quando ci viene negato ogni e possibile spazio politico.

  3. Curiosità. Tutti parlano di Renzi come il più giovane presidente del consiglio della storia, almeno del 900. Ed è effettivamente così, con un arrivo però sul filo di lana con Benito Mussolini. Prendendo come data di arrivo quella della convocazione al Quirinale per entrambi, Renzi ha fatto quel passo a 39 anni e un mese, Mussolini a 39 anni e tre mesi.

  4. Caro direttore,
    la nostra eccessiva prudenza nell’esprimere giudizi su come Renzi è arrivato a Palazzo Chigi, mi ha fatto pensare che un ministro ci venisse dato, così non è stato.
    La squadra con tanti giovani di poca esperienza, può essere un grosso problema per chi ha fretta nel fare.
    Attendiamo per giudicare, confesso però la mia delusione.

  5. Lo schiaffo è stato forte, il segno delle dita è evidente, defilarsi ancora e rintanarsi nelle pieghe del PD è ingiustificabile, come sostiene Alfio Balsamo “meglio morire con la bandiera in mano” che in un governo con i berluscones, 1-Casini che è di fatto passato a F.I. è rappresentato al governo, 2-la Federica Guidi come sostiene il Direttore è attigua al Cavaliere, 3-la Veltroniana Madia è presente come “Le Belle Statuine” 4-e Padoan è il gemello diverso di Monti, ma chi pensaano di prendere per il C……..:Ma se tutto va avanti così, senza novità e al congresso del PSE non ci sono segnali di svolta non meravigliamoci che Grillo superi la soglia della maggioranza per formare un governo.

  6. i socialisti non devono votare la fiducia a renzi ed al suo governo, non perchè non ci sono socialisti tra i ministri ma per come si è comportato Renzi con Letta, Bonino e Mauro politicamente, oltre che con Giovannini, Carrozza,Saccomanni sul piano personale . E poi, avete fiducia in Orlando alla Giustizia e Mogherini agli Esteri,oltre che nella ministra alla Difesa ?

  7. Io mi ero illuso che forse era la volta buona che Renzi e Napolitano finalmente ci avrebbero concesso un pò di visibilità nel Governo invece ancora una volta la parola socialismo in questo Paese la vogliono tenere nascosta perchè sarebbe scoperchiare tante verità che sono sempre state nascoste dai due maggiori partiti al Popolo Italiano, quindi cari compagni avanti con le nostre forze e cerchiamo alleanze fuori dalle ammucchiate e lontani dai catto comunisti:

  8. Dai basta, non si può continuare a fare ridicole giravolte per tentare di prendere sempre e solo posti. A che serve un Psi in questo modo? mauro, sai che e’un intralcio? Dovremmo essere noi dopo 20 anni a raccogliere la prevista protesta della crisi di chi ha distrutto la democrazia, si e sottomesso ai parametri ha saccheggiato il paese fino alla povertà. Che l Europa sarà un inferno lo diceva Craxi dalla Tunisia, basta rivedere youtube. E noi, perché tra i socialisti i ci metterei anch io passiamo da un divano all altro? E questo il modo di far politica? Il gioco del correre attorno al tavolo e sedersi dove capita per non rimanere in piedi a fare penitenza?

  9. Basta giravoltare introno al tavolo al gioco della sedia. Così il Psi e un vero e proprio intralcio, subordinato ai posti. L altro giorno i complimenti di nencini e di Lillo a renzi, poi, rimasti in piedi a fare la penitenza, ” rimarcano”. Noi avremmo dovuto essere al posto di grillo per raccogliere la protesta che avevamo previsto 20 anni fa, e invece si e passati da un divano all altro nei salotti della seconda repubblica. Un Psi così e’ di impiccio, credimi. Ha ragione Alfio Balsamo, assolutamente

Lascia un commento