mercoledì, 22 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Renzi e la verità… tra quindici giorni
Pubblicato il 06-02-2014


Abbiamo sempre apprezzato il nuovo segretario del Pd per la sua sfrontatezza. Che può essere un pregio per una classe politica generalmente dotata di scarso coraggio e in una situazione che richiede scelte decise. Dal suo discorso tenuto in direzione emergono però alcuni punti oscuri e qualcosa di non chiaro e non detto che merita di essere ripreso. Intanto é assai discutibile quel sostenere che non é la legge elettorale che favorisce vittorie e sconfitte. Vero in generale. Falso in particolare. Le tendenze elettorali sono formate da fattori diversi, ma la legge elettorale può influenzarne il flusso. Pensiamo alla logica del premio di maggioranza che certo condiziona la polarizzazione del voto. Pensiamo allo sbarramento che introduce la logica del voto utile. Come si può affermare che una legge come l’Italicum sia neutra rispetto all’andamento del voto? I piccoli partiti saranno ad un tempo utili per conseguire la vittoria e però puniti. Forse, e secondo i sondaggi è così, perfino decisivi e paradossalmente bastonati. Si escogiteranno altre tecniche di salvaguardia formali e anche sotterranee. Berlusconi, che in questo è maestro, avrà già in mente l’idea di presentare liste a supporto e pagarle con candidature blindate in Forza Italia. Renzi che farà? Continuerà a ritenere utile lo sterminio dei piccoli, proclamato con enfasi da qualche suo adepto in tivù?

Renzi sostiene che il suo Pd ha sempre appoggiato il governo Letta. Oddio, francamente non ce n’eravamo accorti. É vero che non gli ha mai votato contro. Lo ha incalzato, spesso criticato per la lentezza, lo ha di quando in quando anche provocato. E dopo l’esplicito invito che gli è stato rivolto da più parti di assumere egli stesso la guida del governo, Renzi non poteva cavarsela con la battuta sul governo che deve decidersi se rimpastarsi o meno. Avrebbe potuto negare esplicitamente qualsiasi ipotesi di sua successione a Letta e appoggiare esplicitamente quest’ultimo come unico capo dell’esecutivo. In fondo mettendosi in piena sintonia, su questo, col capo dello Stato. Nella replica, a sorpresa, ha dato appuntamento fra quindici giorni. Per decidere cosa fare. Proseguire, appoggiare ancora il governo, andare alle elezioni. Le recenti tensioni al Senato, dopo la decisione di Grasso di costituirsi parte offesa nel processo sulla compravendita dei senatori, gli deve avere rizzato le orecchie.

Si è parlato del nuovo Senato. E sono state avanzate ipotesi alquanto discutibili. Si è accennato a un nuovo Senato, senza elezione diretta, a 150 componenti a prestazione gratuita, con i sindaci in stragrande maggioranza, i governatori delle regioni e una quota ristretta di nomina da parte del presidente della Repubblica. A voler essere cattivi diamo per scontato che Renzi, segretario del Pd e probabile capolista alla Camera, sia anche sindaco di Firenze e dunque senatore. Se gli vanno bene le elezioni sarà anche presidente del Consiglio. Siamo certi che Renzi non pensi alla moltiplicazione dei suoi incarichi, ma al bene della nostra democrazia. E dunque gli rivolgiamo altri due interrogativi. Ma a cosa serve un Senato del genere? Quali competenze dovrebbe avere? Silenzio. E poi, Renzi credo lo sappia che per riformare la legge elettorale anche del Senato bisogna cambiare l’articolo 57 della Costituzione che prescrive che “il senato della Repubblica è eletto a base regionale”. Dunque bisognerebbe fare prima una legge costituzionale per riformare il Senato e poi la legge elettorale della Camera. Perché si è scelta un’altra via?

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sono sempre più convinto che un’Assemblea Costituente avrebbe facilitato molto il compito di Renzi, Letta e tutta la compagine parlamentare. Un’Asemblea che assumendosi l’onere, di fare le modifiche Costituzionali necessarie. Il Parlamento così sgravato poteva tranquillamente portare avanti i veri problemi di una società ormai allo stremo e legiferare per una più equa distribuzione della ricchezza e per il lavoro. Il tempo volendo ci sarebbe ancora ed il percorso di riforma sarebbe a mio avviso alquanto inferiore rispetto all’iter parlamentare e conseguente referendum popolare.

  2. Tutto l’intervento della direzione del PD ha confermato che tra separati in casa non ci si vuol capire.Letta che dice di non voler galleggiare e MR che gli dice di fare quello che vuole, con e per il governo. Stanno giocando alle belle statuine con l’Italia per motivi interni al PD e gli Italiani stanno a guardare uno spettacolo IMMONDO non hanno nessun pudore nel rimandare sempre a 5/7/10/15 giorni decisioni che hanno sfiancato anche il sistma produttivo, passano settimane mesi anni aspettando GODOO. Un detto antico diceva che la strada per l’inferno é lastricata di buone intenzioni.

    • Non nego di apprezzare la dinamicità e la immediatezza nel cogliere i problemi di Renzi, insomma la gioventù. E a chi teme la sua inesperienza, ricorderò ciò che rispose Francesco Crispi a re Umberto I che lo aveva interpellato sulla possibile uscita dalla crisi di governo dopo la presidenza Di Rudinì “Lo credo incapace di reggere lo Stato. Sarebbe un errore affidargli il Governo del Paese. Non ha studi, non ha esperienza, non ha arte di governo, conosce appena l’amministrazione”. E concluse: “Non faccia nuovi esperimenti, non affidi il potere ad uomini che devono fare il loro noviziato ….” Il novizio in questione era Giovanni Giolitti.

  3. FRANCESCO – DETTO FRANCO – ISCRITTO AL CIRCOLO PD DI TORTORA (COSENZA) MA DA SEMPRE SOCIALISTA IRRIDUCIBILE E SIA BEN CHIARO: INQUIETO, SE IL PD NON ADERIRA’ AL PSE, LASCIO IMMEDIATAMENTE E CHISSA’, FORSE, RITORNO ALLA CASA MADRE!!!!!!!!!!!

    DAL 2002 AL 2007 SONO STATO COORDINATORE PER L’ALTO TIRRENO COSENTINO DEL MOVIMENTO PSE/LISTA MANCINI, FONDATO DAL GRANDE LEONE SOCIALISTA GIACOMO MANCINI SEN. – MINISTRO DELLA REPUBBLICA E SEGRETARIO DEL GLORIOSO PSI.

    UN ABBRACCIO A TUTTI I SOCIALISTI EUROPEI!!!!!!!

    Francesco Guerrera – detto Franco – Iscritto al Circolo PD di Tortora (Cosenza).

  4. Non nego di apprezzare la dinamicità e la immediatezza nel cogliere i problemi di Renzi, insomma la gioventù. E a chi teme la sua inesperienza, ricorderò ciò che rispose Francesco Crispi a re Umberto I che lo aveva interpellato sulla possibile uscita dalla crisi di governo dopo la presidenza Di Rudinì “Lo credo incapace di reggere lo Stato. Sarebbe un errore affidargli il Governo del Paese. Non ha studi, non ha esperienza, non ha arte di governo, conosce appena l’amministrazione”. E concluse: “Non faccia nuovi esperimenti, non affidi il potere ad uomini che devono fare il loro noviziato ….” Il novizio in questione era Giovanni Giolitti.

  5. Vivendo in mezzo alla gente e non nei Palazzi Romani sapete cosa dicono che Renzi è come tutti gli altri continua a parlare di legge elettorale di riforme ed i veri problemi non li affronta mai come risolvere il problema dello sviluppo, come creare ricchezza come poi ridistribuirla, vi sono problemi come la sicurezza sia nelle case che sulle strade, la mendicità è divenuto un fenomeno al limite della tolleranza, l’arroganza ed il potere del sistema bancario non ha precedenti, le ruberie sono diventate prassi, aumentano sempre i furbi a danno degli onesti questi e non altri sono le priorità per questo Paese.

Lascia un commento