sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ricchi premi e cotillon
Pubblicato il 14-02-2014


Che bella la politica. Seguendo l’analisi di Martelli, è tempo di citare Amato e prendere il Renzi per le corna. Corna ben visibili quelle messe a #enricostaisereno, abbandonato nella palude, e sensibili quelle sulla testa dell’elettorato democratico  sedotto dall’antiribaltonismo e dal nuovismo e abbandonato su una via per Palazzo Chigi lastricata di buone intenzioni. Non ho vissuto, per ragioni anagrafiche, la Prima Repubblica e come me non l’ha vissuta chi si appresta ad andare al governo: ci sentiamo pero di non aver nulla da invidiare a certe famigerate liturgie. Il congresso cambia la direzione del partito di maggioranza, elementi di forza diventano insopportabili debolezze, l’animo muta, le convenienze cambiano, la mano dei ministeri passa a una nuova crew. Renzi non è certo uno stinco di santo e forse proprio per quello piace. Quella scanzonata semplicità di una supercazzola, quella gag pronta e irreverente della migliore tradizione fiorentina alla faccia del serioso pisano e di chi non ha quel sottile senso della strutturale incoerenza del reale. La medesima che nelle intenzioni del Letta che promette riforme in 18 mesi lascia intravedere la pacatezza del lungo periodo e che tra le dichiarazioni di un programma di legislatura promette frizzi e lazzi, micce accese, ricchi premi e cotillon. Non è ancora tempo di chiedersi se l’eventuale governo Renzi sarà in grado di far meglio di Letta nella gestione ministeriale e di Berlusconi nella simpatia comunicativa: ci basta toccare con mano che la nuova generazione si abbevera alle procedure democratiche, si fa carico del confronto parlamentare e della sfida del governo utilizzando gli strumenti della nostra Costituzione e a testa alta si fa avanti. La sfida non è di oggi e averla persa ieri non significa smettere di volerla vincere domani. Che bella la politica, che cara la nostra Repubblica: a testa alta e con il cuore in mano, teniamocela stretta.

Tobia Desalvo

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento