giovedì, 21 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sanremo 2014, i cantanti in gara e gli ospiti
Pubblicato il 17-02-2014


sanremo-2014-fazio-littizzettoCome ogni anno torna puntuale a febbraio il Festival di Sanremo. La 64^ edizione si svolgerà dal 18 al 22 febbraio prossimi, e sarà condotta dalla ormai collaudata coppia Fabio Fazio e Luciana Littizzetto. Usciti i nomi e i testi dei big in gara, degli ospiti e dei superospiti, nazionali ed internazionali, resta quanto mai ancora aperto l’interrogativo: cosa c’è da aspettarsi?  I due non sono soliti sorprendere il pubblico e di argomenti di cui (s)parlare ve ne sono tanti. Confidiamo, come ovvio e come sempre, sulla simpatia, sull’ironia sarcastica dei monologhi, quasi invettive, della Littizzetto, quasi pamphlet acuti con cui affronta problematiche importanti, che fanno sempre il boom di share. Anche di recente è stata ospite alla trasmissione di Maria De Filippi, “C’è posta per te”, che in quel momento ha toccato il picco di ascolti.

Unacomicità spontanea, la sua, ma anche profonda in grado di regalare attimi di riflessione autentici. La ricordiamo, lo scorso anno, proprio sul Palco dell’Ariston, quando si cimentò in un monologo contro la violenza sulle donne. Anche quest’anno gli argomenti che potrebbe trattare non mancano: pensiamo al cyber-bullismo, oppure a tutti i piccoli e medi imprenditori, soprattutto gli editori, costretti a chiudere bottega o a suicidarsi poiché non riescono a “salvare” la loro azienda. O al tema del precariato e della disoccupazione. Ora la domanda che sorge spontanea è: riuscirà il buon Fabio Fazio, con la sua pacatezza, moderazione e compostezza, a tenere a bada l’energia travolgente di Luciana? Indiscrezioni dicono che potrebbe ballare con Raffaella Carrà.

Anche  per quanto riguarda gli ospiti, la possibile presenza, nella serata del 20 febbraio, di Enrico Brignano, non permette di far dormire sogni tranquilli alla politica, dopo la crisi di governo, le larghe intese, le dimissioni di Letta, e la nuova salita al vertice di Matteo Renzi. Lo scorso anno, l’invettiva aspra di Maurizio Crozza (che potrebbe tornare anche quest’anno sul palco dell’Ariston nella giornata di lunedì, ndr) fu fischiata. Quest’anno vedremo se saranno arance e pomodori o applausi. Di sicuro è sempre un piatto ricco quello offerto dalla politica nostrana.

E altri nomi celebri affiancano quello del comico al Festival della canzone italiana. Nella prima serata dovrebbe esserci Laetitia Casta, che presentò la kermesse, a fianco di Fazio e di Renato Dulbecco, nel 1999: un gradito ritorno per il pubblico. E poi, per festeggiare in maniera degna i 60 anni di “Mamma Rai”, ci sarà anche Raffaella Carrà, pronta a trascinare il pubblico col ritmo dei suoi più grandi successi. Nella seconda serata tra una tappa e l’altra del suo “Con voi” tour, anche Claudio Baglioni farà un salto sul palco dell’Ariston per regalare le emozioni delle sue canzoni evergreen. E ancora l’attore Claudio Santamaria, che presenterà la sua nuova fiction, in onda il 24 e il 25 su RaiUno, “Non è mai troppo tardi”. Il 20 sarà la volta di Enrico Brignano, ma anche di Luisa Ranieri e Luca Zingaretti.

Ma non solo. Sarà un connubio di sport e musica, con molti ospiti sportivi: Veronica Angeloni (pallavolo), Tania Cagnotto (tuffi), Amaurys Pèrez (pallanuoto) e, ma non sarebbe una certezza, Martin Castrogiovanni per il rugby. Per il calcio si tratta con Francesco Totti e Alessandro Del Piero. Circolano, però, anche i nomi di Fabio Cannavaro e Paolo Maldini. E potrebbe esserci il ritorno, direttamente dalle Olimpiadi di Sochi 2014, del portabandiera e slittinista italiano Armin Zoeggler. Dovrebbero essere confermati pure Cristiana Capotondi e Kasia Smutniak.

Il 21 tutto spazio alla musica con duetti inediti e la nomina del vincitore tra i “Giovani”. Nell’ultima serata ci saranno Terence Hill e il cantante belga Stromae. E il superospite Luciano Ligabue. Non ci si è fatti mancare nulla. Eppure le sorprese potrebbero non essere finite: resta l’attesa di sapere chi sarà il superospite musicale internazionale d’apertura del Festival. Quasi sicura anche la presenza di Gino Paoli e di Rufus WainWright nella seconda serata. Tra i nomi che ancora circolano ci sono quelli dei Depeche Mode, delle gemelle Kessler e di Piero Angela. Spazio, forse, anche per le commemorazioni a Lucio Dalla, a Fabrizio De Andrè e a Roberto Freak Antoni, scomparso lo scorso mercoledì. Confermata la scelta di far eseguire a ogni big in gara due testi, di cui ne passerà solamente uno. Saranno 14 i cantanti nella categoria “Campioni” e 8 nelle “Nuove Proposte”.

I BIG – Tra i “Big” l’edizione di quest’anno vedrà la partecipazione di Arisa con “Lentamente” e “Controvento”, già vincitrice nella sezione “Nuove proposte” nel 2009, con “Sincerità”; seconda classificata tra i “Campioni” nel 2012 con “La notte”. Cristiano De Andrè con “Il cielo è vuoto” e “Invisibili”. Giusy Ferreri proporrà le canzoni “Ti porto a cena con me” e “L’amore possiede il bene”. Frankie Hi-Nrg Mc con “Un uomo è vivo” e “Pedala”. Raphael Gualazzi & The Bloody Beetroot canteranno “Liberi o no” e “Tanti ci sei”; Gualazzi vinse nel 2011 nella sezione “Nuove proposte” con “Follia d’amore”. Noemi canterà “Un uomo è un albero” e “Bagnati dal sole”; nel 2013 si classificò in terza posizione tra i “Campioni” con “Sono solo parole”. Giuliano Palma con “Un bacio crudele” e “Così lontano”. “Perturbazione” proporranno i brani “L’Italia vista dal bar” e “L’unica”. Francesco Renga con “A un isolato da te” e “Vivendo adesso”: era il 2005 quando si aggiudicò il primo posto con il brano “Angelo”. Ron con “Un abbraccio unico” e “Sing in the rain”; l’artista vinse l’edizione del 1996 quando si esibì, in duetto con Tosca, in “Vorrei incontrarti fra cent’anni”. Renzo Rubino con “Per sempre” e “Poi basta un’ora”. Antonella Ruggiero canterà “Quando balliamo” e “Da lontano”: veterana anche lei, si è esibita su questo palco sia coi Matia Bazar che da solista, portando brani quali “Amore lontanissimo”, e “Non ti dimentico”, con cui è arrivata sempre seconda classificata, rispettivamente nel ’98 e nel ’99. Francesco Sarcina, l’ex vocalist de “Le Vibrazioni”, porterà sul palco del Festival “Nel tuo sorriso” e “In questa città” mentre Riccardo Sinigallia sarà in gara con i brani “Una rigenerazione” e “Prima di andare via”. Nel 2000 il cantautore ha firmato la produzione e tutte le canzoni dell’album dei Tiromancino “La descrizione di un attimo”, compresa “Due destini”.

LE NUOVE PROPOSTE E I DUETTI – Tra le nuove proposte si esibiranno Bianca con “Saprai”, Veronica De Simone con “Nuvole che passano”, Diodato con “Babilonia”, Filippo Graziani con “Le cose belle”, Rocco Hunt con “Nu juorno buono”, The Niro con “1969”, Vadim con “La modernità” e Zibba con “Senza di te”. Per quanto concerne i duetti Frankie Hi-Nrg canterà con Fiorella Mannoia in “Boogie” di Paolo Conte; Raphael Gualazzi con Tommy Lee interpreteranno “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno. “Ho visto anche degli zingari felici” di Claudio Lolli per Riccardo Sinigallia in coppia con Marina Rei e Paola Turci. I “Perturbazione” si esibiranno con Violante Placido ne “La donna cannone” di Francesco De Gregori. Renzo Rubino interpreterà “Non arrossire” di Giorgio Gaber in coppia con Simona Molinari. Antonella Ruggiero rivisiterà con i DigiEnsamble Berlin il brano dei New Trolls “Una miniera”. Giusy Ferreri si cimenterà ne “Il mare d’inverno” di Enrico Ruggeri con gli attori Alessandro Haber e Alessio Boni. Francesco Sarcina si esibirà con Riccardo Scamarcio in “Diavolo in me” di Zucchero, mentre Arisa interpreterà “Cuccuruccucu” di Franco Battiato. “I say i’ sto ccà” di Pino Daniele sarà cantato da Giuliano Palma e “Un giorno credi” di Edoardo Bennato sarà il brano interpretato da Francesco Renga.

Barbara Conti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento