mercoledì, 16 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A, a Firenze i nerazzurri tornano alla vittoria
Pubblicato il 18-02-2014


Fiorentina-Inter-IcardiI nerazzurri tornano alla vittoria anche in trasferta, grazie all’ottimo 2-1 sul campo della Fiorentina. Vincono facilmente Juventus e Roma, il Napoli allunga sul terzo posto. Parma show a Bergamo, in coda importanti successi per Livorno e Catania.

TRIS PER JUVENTUS E ROMA – Botta Juventus, risposta Roma. Rimangono intatte le distanze in classifica per le due pretendenti allo scudetto. I bianconeri superano infatti 3-1 il Chievo (Asamoah, Marchisio e Llorente per i padroni di casa, autogol di Caceres per i veneti) e mantengono la testa della graduatoria. Un successo senza particolare fatica, tant’è che a fine gara si è parlato esclusivamente del battibecco tra l’allenatore Conte e Fabio Capello, che qualche giorno fa aveva detto la sua sui problemi della ‘Vecchia Signora’ in Europa: “Il campionato italiano non è dello stesso livello di qualche anno fa e, quindi, poco allenante per la Juventus”, aveva detto l’attuale ct della Russia. Parole che non sono piaciute all’allenatore bianconero, che ha così risposto: “Della Juventus di Capello ricordo solo i due scudetti revocati”. Intanto la Roma, a proposito di scudetto, rimane in corsa grazie al 3-0 alla Sampdoria (sugli scudi Destro, doppietta, nel mezzo il gol di Pjanic).

IL NAPOLI ALLUNGA SULLA FIORENTINA – Alle spalle delle prime due, c’è il Napoli, grazie al convincente 2-0 a Reggio Emilia contro il Sassuolo (gol di Dzemaili e Insigne). Gli azzurri di Benitez non potevano fallire, soprattutto dopo la sconfitta, sabato sera, della Fiorentina 2-1 in casa contro l’Inter, apparsa in netta ripresa dopo un inizio di 2014 difficile. Ci ha pensato Mauro Icardi (protagonista più per le vicende extra-calcisitiche) a decidere il match dopo il vantaggio nerazzurro di Palacio e il pari viola di Cuadrado.

BAGARRE EUROPA LEAGUE – Diverse squadre sono in corsa per i posti dell’Europa League. Vincono, infatti, Parma e Torino e lo fanno in maniera spettacolare. I ducali, arrivati al dodicesimo risultato utile consecutivo, rifilano un poker sul difficile campo dell’Atalanta (reti di Molinaro, autogol di Benalouane, Cassano e Schelotto). I granata, nel posticipo di lunedì sera a Verona, superano 3-1 in rimonta l’Hellas (Immobile, Cerci ed El Kaddouri dopo il rigore di Toni). Bene anche il Milan, con l’1-0 sofferto al Bologna grazie alla prodezza all’86’ di Balotelli, in gol con un tiro da 39 metri.

SALVEZZA, BENE LIVORNO E CHIEVO – In salvezza, preziosissimi successi per Livorno e Catania. I toscani passano 2-1 a Livorno (Emerson e Paulinho su rigore per gli amatanto, Nenè per i sardi) e offrono una prestazione molto positiva. Gli etnei interrompono l’imbattibilità di Reja sulla panchina della Lazio con un bel 3-1 (Izco, Spolli e Peruzzi per i rosazzurri e momentaneo pari di Mauri per gli ospiti), mostrando quel gioco che, negli ultimi due anni, aveva permesso ai siciliani di posizionarsi subito dietro le prime in campionato. Pareggio, infine, spettacolare a ‘Marassi’ di Genova tra Genoa e Udinese. Reti di Konatè e doppietta di Gilardino per i liguri, Basta, Bruno Fernandes e Muriel, su rigore, per i bianconeri. Il pubblico non si è annoiato.

LA CLASSIFICA – Questa la classifica di Serie A dopo la 24esima giornata
1.    Juventus 63
2.    Roma 54*
3.    Napoli 50
4.    Fiorentina 44
5.    Inter 39
6.    Parma 36*
7.    Torino 36
8.    Verona 36
9.    Milan 32
10.     Lazio 32
11.     Genoa 31
12.     Sampdoria 28
13.     Udinese 27
14.     Atalanta 27
15.     Cagliari 24
16.     Bologna 21
17.     Livorno 20
18.     Catania 19
19.     Chievo 18
20.     Sassuolo 17

*una partita in meno

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento