sabato, 18 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Serie A, la Juve vince il derby, ma la Roma non molla
Pubblicato il 25-02-2014


Calcio, Serie AI bianconeri si aggiudicano 1-0 la stracittadina, il Torino recrimina per un rigore non cesso (effettivamente netto). I giallorossi tengono il passo, vincendo con lo stesso punteggio a Bologna. Frenano le altre, ne approfittano Milan e Lazio, che battono Sampdoria e Sassuolo e si avvicinano all’Europa League. Dietro, prezioso successo del Chievo contro il Catania nella sfida salvezza.

GUIZZO DI TEVEZ, ESTASI JUVE – Grazie a un gran gol di Carlitos Tevez, la Juventus si aggiudica 1-0 il derby della Mole contro il Torino. Continuano i numeri da record per la squadra di Conte: è la sesta stracittadina vinta consecutivamente e in campionato, allo Juventus Stadium, è il 13esima successo in altrettante partite. Questo, tuttavia, è stato meno spettacolare, e anzi più sofferto rispetto agli altri. Merito dello ‘spirito Toro’ messo in campo dai granata, che poi hanno protestato per un rigore non concesso nel finale a proprio favore. Ed effettivamente il fallo di Pirlo su El Kaddouri era netto, anche se il giudizio avviene grazie alla moviola, che l’arbitro non possiede. La Roma tiene comunque il passo della Juventus. I giallorossi, nell’anticipo di sabato sera, battono sempre per 1-0 il Bologna al ‘Dall’Ara’, decisivo il gol di Nainggolan, colpo di mercato di gennaio. Sempre in attesa del recupero del match contro il Parma, Totti e compagni tengono la scia della capolista, ora a -9 (ma, appunto, la squadra di Rudi Garcia ha una gara in meno).

RALLENTANO NAPOLI E FIORENTINA – Invariata resta anche la corsa per il terzo posto. Impegnate entrambe di lunedì per i match di Europa League, infatti, Napoli e Fiorentina ottengono un punto ciascuno. Decisamente amaro, però, il risultato per gli azzurri, fermati al ‘San Paolo’ 1-1 dal gemellato Genoa (vantaggio di Higuain per i padroni di casa, pareggio ligure nel finale con l’ex Calaiò). I viola invece si trovavano di fronte una delle squadre più in forma del campionato, il Parma imbattuto da 12 partite, prima della gara contro i toscani. Al Tardini è finita 2-2 (ducali due volte ripresi, prima da Cuadrado dopo il vantaggio di Cassano e poi, nel finale, da Mati Fernandez, dopo il 2-1 di Amauri su calcio di rigore per i gialloblù). Pari, deludente, anche per l’Inter. A ‘San Siro’, sotto gli occhi del Presidente Erick Thohir, i nerazzurri di Mazzarri hanno pareggiato 1-1 contro il Cagliari, dopo essere andati anche sotto (penalty di Pinilla per i sardi, risposta di Rolando). Benissimo, invece, il Verona che, nella gara dell’ora di pranzo di domenica, espugna 3-2 il campo del Livorno in una partita molto sentita dalle due tifoserie. Di Jankovic, Romulo e Toni i gol per l’Hellas, risposta solo parziale con Paulinho e Greco per gli amaranto. Vincono bene anche Milan e Lazio, rispettivamente a 2-0 Genova contro la Sampdoria (reti di Taarabt e Rami) e all’’Olimpico’ 3-2 contro il Sassuolo (Radu, Klose e autogol di Cannavaro per i biancocelesti, Floccari e Floro Flores a segno per gli ospiti). Ora l’Europa League è molto più concreta per Seedorf e Reja.

SALVEZZA, PREZIOSO SUCCESSO DEL CHIEVO – In coda sfida delicatissima per la zona retrocessione, quasi uno spareggio. Si tratta di Chievo-Catania e i padroni di casa vincono per 2-0 (Thereau e Rigoni i marcatori), tornando al successo dopo 9 partite. Infine, pari 1-1 tra Udinese e Atalanta (nerazzurri in vantaggio con Brivio, pareggio della squadra di Guidolin grazie al calcio di rigore dell’eterno Di Natale).

LA CLASSIFICA – Questa la classifica dopo la 25esima giornata

1. Juventus 66
2. Roma 57*
3. Napoli 51
4. Fiorentina 45
5. Inter 40
6. Verona 39
7. Parma 37*
8. Torino 36
9. Milan 35
10. Lazio 35
11. Genoa 32
12. Udinese 28
13. Sampdoria 28
14. Atalanta 28
15. Cagliari 25
16. Chievo 21
17. Bologna 21
18. Livorno 20
19. Catania 19
20. Sassuolo 17

*una partita in meno

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento