sabato, 23 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Italicum, dichiarazione di voto di Marco Di Lello
Pubblicato il 12-03-2014


Qui di seguito la dichiarazione di voto di Marco Di Lello alla Camera sulla nuova legge elettorale:

“Signora Presidente, onorevole i colleghi, colleghi del Governo, la Camera si appresta a votare questo atteso provvedimento di riforma della legge elettorale. Un provvedimento che porta con sé, dal nostro punto di vista, tante occasioni perse.

Persa è stata l’occasione per aumentare la democrazia e la rappresentanza in questo Paese, abbassando soglie di sbarramento che, come ho già avuto modo di dire, in Europa sono presenti solo nella Russia di Putin e nella Turchia di Erdogan, non proprio due modelli a cui ispirarsi.

Persa l’occasione di riequilibrare e tenere insieme esigenze di governabilità e di rappresentanza, aumentando dunque quella soglia del 37 che regala un premio del 15 per cento.

Persa l’occasione per garantire effettivamente una parità di genere e non andare indietro, come invece rischiamo di fare sul terreno della rappresentanza di genere, in particolare femminile, nelle Aule del nostro Parlamento.

Persa, infine, la possibilità di disciplinare finalmente, dopo vent’anni di dibattito bloccato, una buona norma sul conflitto di interessi.

Quest’Aula in questi giorni non ha offerto un grande spettacolo e la maggioranza non sempre ha mostrato una tenuta. Mi auguro che la Ministra Boschi ne faccia tesoro, magari scegliendo con più attenzione i suoi interlocutori.

Noi Socialisti abbiamo provato a migliorare il testo con i nostri emendamenti, li abbiamo difesi, li abbiamo votati, non ci siamo riusciti.

Ma avevamo detto che avremmo raccolto la sfida e così è stato, perché è importante, molto importante, avere una nuova legge elettorale. È importante per l’Italia, perché sono le nuove regole del gioco; è importante per la politica, perché ci consente di recuperare sintonia con l’opinione pubblica; è importante per Renzi e per questa maggioranza, perché era la prima prova. Ma se è importante varare una nuova legge, è ancora più importante – concludo – varare una buona legge e allora potrà aiutarci in questa direzione il lavoro che i colleghi al Senato potranno fare già nei prossimi giorni ed è quello che i socialisti si augurano ed è quello che i socialisti proveranno a fare anche in quella sede”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento