domenica, 17 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La sfida europea alla sinistra
Pubblicato il 10-03-2014


Non si conoscono ancora le liste dei candidati, sia dei soggetti già presenti, che di quelli nuovi sulla scena europea, come Altra Europa per Tsipras. Non si sa neppure se l’entrata del PD nel PSE avrà come risultato la presentazione di una lista comune ed unitaria dei partiti italiani affiliati al PSE, come richiederebbero una raccomandazione della Commissione Europea e una risoluzione del Parlamento  Europeo del 2013. Recepire quella  raccomandazione/risoluzione significava mettere mano alla legge n. 18/1979 come modificata dalla legge n.10/2009 per adeguarla alla Costituzione, nonché al Trattato di Lisbona e alla Carta dei Diritti Fondamentali dell’UE entrati in vigore il 1° dicembre 2009. Si chiedeva troppo ad un Parlamento politicamente delegittimato dalla sentenza n. 1/2014 della Corte Costituzionale e  troppo impegnato a metterla da parte con l’Italicum. Un Parlamento talmente distratto da non essersi accorto che nella legge elettorale europea non ci sono norme sul riequilibrio della rappresentanza di genere in violazione dell’art. 51 Cost. e dell’art. 23 Carta dei Diritti Fondamentali dell’UE e da dimenticarsi di modificare le norme sulla trasmigrazione dei seggi da una circoscrizione ad altra, censurata dal Consiglio di Stato con sentenza passata in giudicato( caso Gargani/Collino). Un Parlamento tuttavia attento a conservare i privilegi de liste collegate a gruppi già presenti nel Parlamento nazionale e/o europeo e delle minoranza linguistiche francese della Val d’Aosta, tedesca  della Provincia di Bolzano e slovena del Friuli V.G., dimenticandosi di altre riconosciute con la legge n. 482/1999 e altrettanto,  consistenti, se non di più come la sarda e la friulana. In questo quadro generale, che non lascia ben presagire sulla regolarità delle prossime elezioni la sinistra si presenta divisa: un fatto normale e forse inevitabile come constatazione di una differenza si condotte politiche nei singoli paesi nazionali. Non è questo che preoccupa , ma la direzione di marcia di contrapposizione, come se il nemico principale fosse per gli uni la socialdemocrazia e per gli altri l’estremismo di sinistra. In realtà né il PSE, né la Sinistra Unita Europea sono blocchi omogenei, all’interno di quest’ultima coabitano partiti nostalgici del comunismo sovietico ed anti europei con Syriza, critica sulle politiche economiche europee, ma contraria a sciogliere la UE e a rinunciare all’Euro. Nel PSE la critica crescente all’austerità e alla riduzione della protezione sociale si accompagna a rigorosi custodi dell’equilibrio di bilancio come i laburisti olandesi e i socialdemocratici finlandesi e le critiche dei socialdemocratici tedeschi hanno un forte limite nell’accordo di Grande Coalizione  a guida Merkel. Ce non cambiano i rapporti di forza complessivi tra destra e sinistra i vincitori saranno ancora una volta le lobby finanziar bancarie, che stanno preparando una crisi come quella del 2007-2008 dalla quale non siamo usciti. Per essere precisi i disoccupati  e i precari sono cresciuti, i ceti popolari e la classe media si sono  impoveriti: solo l’1% dei superricchi) è ancora più ricco e festeggia i favolosi  guadagni in Borsa, provocati da bolle speculative e titoli tossici, che hanno assorbito la liquidità creata dalla FED senza una significativa ricaduta nell’economia reale, nella ricerca/innovazione e nella prevenzione dei disastri ambientali e nella riduzione degli squilibri planetari, che producono  guerre e migrazioni di massa. Una sinistra che accetta la sfida deve contestare i meccanismi economici e finanziari che subordinano la politica e i diritti al guadagno speculativo, tanto non pagano per loro errori, come questa crisi ha reso palese. I costi della crisi sono scaricati  sulle spalle delle prime principali vittime, pensionati, lavoratori, donne e giovani.,  A milioni hanno perso il lavoro o hanno visto bruciati e risparmi di una vita  la speranza in un futuro migliore.  Senza una contestazione radicale dell’ordinamento economico e sociale esistente non si esce dalla crisi. Ora si vede se c’è una risposta socialista concreta e praticabile, che salvaguardi le condizioni de vita della maggioranza della popolazione difendendo ed estendendo la democrazia sia negli Stati nazionali che nelle istituzioni europee. Ovvero è una parola nostalgica rivolta al passato. La contraddizione è accentuata se la scelta  alla fine sarà per uno Schulz accaparrato dal PD, che nel suo complesso non è un partito di sinistra ( il suo leader ha detto co chiarezza che la distinzione destra/sinistra non  ha più senso) e uno Tsipras, espressione di una nicchia minoritaria della sinistra sulle orme di Rivoluzione Civile e della Sinistra Arcobaleno e non di un nuovo civismo europeo, capace di ripetere gli exploit dei referendum sull’acqua. Se la dialettica è questa né SEL né i socialisti di sinistra hanno un ruolo  attivo e positivo da giocare, ma neppure i  federalisti europei, cioè delle uniche forze che avevano la possibilità di costruire un clima unitario a sinistra con proposte istituzionali e di politiche economiche alternative alla destra e ai populismi anti-europei, cui si vuol delegare la difesa egoista e nazionalista dei ceti popolari più colpiti dalla crisi.

Felice Besostri

Presidente di Rete Socialista-Socialismo Europeo

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Anch’io ritengo che si deve fare una Lista PSE/Socialisti-Democratici oppure. se il PD non è d’accordo presentare la nostra Lista PSI aperta, altrimenti saremmo cancellati dalla scena politica.

Lascia un commento