domenica, 20 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Notizie in breve
Pubblicato il 21-03-2014


Terni – Andrea Difino candidato del PSI

Il Direttivo provinciale del partito socialista candida come unico candidato il segretario provinciale Andrea Difino alle prossime elezioni amministrative del comune di Terni.

Si ritiene che in questo modo si possa dare il miglior contributo alla coalizione di centro-sinistra che ha come candidato il sindaco uscente Leopoldo Di Girolamo.

Il PSI è sempre impegnato nel valorizzare i comuni valori della coalizione, in particolar modo in un momento come questo di grande difficoltà politico – sociale. Solo mettendo in campo le migliori risorse, e le più rappresentative della città, si potrà dare nuova ninfa e nuovo vigore alla coalizione di centro sinistra. A tal fine il partito ha chiesto un urgente incontro al candidato sindaco della città

PIEMONTE: BUEMI CHIAMPARINO CANDIDATO GIUSTO

Torino, 21 mar. – (Adnkronos) – “Siamo certi che Sergio Chiamparino sia il candidato giusto a guidare una maggioranza di centro sinistra, in grado di affrontare i grossi problemi dell’economia piemontese e recuperare rapidamente i ritardi provocati da quattro anni di inconcludenze della giunta Cota”. A sottolinearlo il segretario regionale del Psi piemontese, Enrico Buemi alla vigilia del congresso regionale del partito, in programma domani a Torino, a cui è annunciata la presenza del viceministro delle Infrastrutture Riccardo Nencini, segretario nazionale del Psi.

Al congresso verranno presentate le proposte del Psi Piemonte sul lavoro,  l’economia regionale, i tirocini, le infrastrutture, la cultura, l’arte e le scelte strategiche per il futuro della Regione. I lavori si concluderanno nel pomeriggio con l’elezione del segretario regionale.

 LETTERA DELLA SEZIONE PSI DI BARCELLONA P.G. “G.PANELLA”    

Al sig. Prefetto di Messina – Ai sindaci del comprensorio del Mela , di Milazzo  e Barcellona PG – Al Sig. Presidente del  Consiglio Comunale  di Barcellona P.G

Sulla questione  Aeroporto Si  aeroporto NO  interviene l’ex consigliere provinciale  Amedeo  GITTO

È anacronistico  parlare  allo stato attuale dell’ opportunità di realizzare  uno scalo aeroportuale  sul  comprensorio  di Milazzo- Barcellona P.G. e  dei suoi  possibili benefici  sul territorio , quando  le poche aziende produttive chiudono, il flusso turistico  sopravvive in misura per le isole eolie, gli ospedali  perdono in qualità e credibilità, l’inquinamento  del comprensorio del Mela non diminuisce,  le persone  contraggono  facilmente  malattie tumorali.  Dinanzi  a questa crisi economica e sociale ci si interroga  sui   motivi per cui  certi  finanziatori dovrebbero investire i loro capitali   sapendo  che i bilanci di quasi tutti gli scali aeroportuali  sono in rosso;  il comprensorio è area ad elevato rischio di crisi ambientale con molteplici fattori negativi che influenzano la vivibilità del territorio;  i cittadini  di Barcellona P.G. e di Milazzo  hanno  votato   sindaci nel cui programma  non  è  prevista  la realizzazione  dello scalo aeroportuale; L’ ENAC  e       l’ENAV  non hanno espresso parere sullo studio di fattibilità  di un scalo aeroportuale da realizzare nel triangolo CT-RC-PA.  Allo stato attuale, invece,  bisogna cogliere gli scenari  positivi che la  prospettiva dell’Area metropolitana dello Stretto  può  generare  e pensare come rafforzare i collegamenti  per via mare  da Milazzo  per raggiungere in un tempo breve  l’aeroporto di Reggio Calabria .

La realizzazione  dappertutto di nuove  grandi opere  non sempre genera  sviluppo economico  e occupazione. Nel caso specifico bisogna  invertire il rapporto  mettendo  al centro politiche del  lavoro  e della salvaguardia della  salute dell’individuo  sfruttando e valorizzando le  risorse intrinseche e estrinseche esistenti sul territorio, senza tralasciare la naturale vocazione a cui tende il comprensorio del Mela.

Allo stato attuale, per uscire dalla crisi economica, dal disagio sociale e dall’isolamento in cui versano i cittadini del comprensorio, spetta alla politica e ai presidii della struttura del governo Regionale e  Nazionale  controllare e vigilare  che sul territorio non si verifichi il disastro ambientale simile a quello di Taranto; sbloccare i finanziamenti per il risanamento la riqualificazione del comprensorio e i fondi dell’alluvione che  potrebbero dare una boccata d’ ossigeno all’occupazione in diversi settori ;  provvedere al riordino dei servizi sanitari  degli ospedali di Milazzo e Barcellona P.G. con la creazione di un polo di eccellenza; sburocratizzare la pubblica amministrazione; incentivare  gli artigiani, le piccole e medie  aziende  di produzione, le imprese edili e la cantieristica navale.
Amedeo  Gitto
coordinatore  Zona Tirreno Psi provinciale

VICENZA: FRANCESCO LOVO NUOVO VICESEGRETARIO PROVINCIALE PSI 
Si è riunito ieri a Vicenza il Direttivo provinciale del PSI.OdG: formazione dei nuovi organismi; elezioni amministrative; politica nazionale.

Il Direttivo ha eletto all’unanimità Francesco Lovo Vicesegretario provinciale ed ha nominato i referenti territoriali.

Il Direttivo ha poi fatto il punto sull’impegno del partito alle amministrative dove, ad oggi, il PSI sta lavorando alla composizione di liste civiche o di partito, in diversi comuni tra cui Valdagno, Bassano, Longare, Arcugnano. In merito alle amministrative il Direttivo ha incaricato il Segretario provinciale di predisporre prima possibile incontri con i partiti del centrosinistra.

Il Segretario ha quindi introdotto il dibattito alla luce delle novità emerse nel Congresso del PSE della scorsa settimana ed della nomina del Segretario nazionale Nencini a Viceministro per le infrastrutture.

Dal dibattito che ne è seguito è emersa dall’unanimità dei compagni la consapevolezza della responsabilità che il partito si è assunto decidendo di partecipare direttamente ad un Governo che ha nel PSI la componente maggiormente rappresentativa del pensiero della sinistra riformista. Un Governo quindi che dovrà vedere impegnati i Senatori ed Deputati socialisti in un’azione costruttiva volta a concretizzare in Italia gli obiettivi di giustizia sociale, uguaglianza e solidarietà che caratterizzano il socialismo. I compagni presenti hanno anche sottolineato la loro totale contrarietà alla legge elettorale attualmente in discussione, giudicandola, a causa dell’impossibilità da parte dei cittadini di manifestare la propria preferenza, più vicina a sistemi politici di stampo autoritario che democratico.

Luca Fantò

Segr. Prov. PSI Vicenza

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento